La genetica non è l'unica colpa dei capelli grigi: possibili cause e cosa stai facendo di sbagliato

Pertanto, la genetica non è l’unica responsabile dei capelli grigi. La melanina è il pigmento responsabile del colore dei capelli. Tuttavia, con l’avanzare dell’età, le cellule della radice dei capelli non riescono a produrre abbastanza amminoacido di tipo tirosina da cui viene sintetizzata la melatonina.

Di conseguenza i capelli perdono gradualmente il loro colore. A seconda della prognosi, i capelli grigi possono apparire presto o tardi. Nel primo caso, però, la causa può essere la malnutrizione, scrive Novy List.

Vitamina B5/Acido Pantotenico

La vitamina B5 protegge i capelli dai danni e attiva importanti processi metabolici nelle radici dei capelli. Una carenza, invece, può portare a una produzione insufficiente di pigmenti colorati e ai capelli che diventano grigi. La vitamina B5 si trova in prodotti animali come carne di manzo, pesce o latte.

Vitamina B12

Poiché la sostanza nutritiva si trova quasi interamente nei prodotti di origine animale, sono soprattutto i vegetariani o i vegani a dover fare i conti con una carenza. Non solo colpisce i capelli grigi, ma può anche causare perdita di capelli, affaticamento, problemi di concentrazione e formicolio alle gambe.

Foto: pixabay.com

Vitamina D

La produzione di melanina può essere compromessa anche se l’apporto di vitamina D è troppo basso. Altri sintomi includono perdita di capelli, affaticamento e dolori muscolari. Tuttavia, i nutrienti non possono essere ottenuti attraverso il cibo. In effetti, la pelle assorbe meglio la vitamina D dal sole, ma può farlo solo se non viene utilizzata la protezione solare. Poiché si sconsiglia un'esposizione solare intensa senza protezione solare, previo parere del medico, in caso di carenza, è consigliabile l'utilizzo di un integratore alimentare adeguato.

Rame

La mancanza di rame può anche portare a capelli grigi perché senza sostanze nutritive non è possibile produrre tirosina e melatonina. Il rame è un componente della proteina tirosina chinasi, coinvolta anche nella pigmentazione dei capelli. Banane, anacardi, caffè, tè verde e soia sono particolarmente ricchi di rame.

READ  Si tratta di vitamine di cui l'organismo non può fare a meno e la nostra nutrizionista ci svela come berle nel modo corretto

acidi grassi omega-3

Il nostro corpo ha bisogno di acidi grassi omega-3 insaturi per vari processi metabolici. Proteggono anche la membrana cellulare, il che significa maggiore lucentezza, crescita più spessa dei capelli e protezione dei pigmenti colorati dei capelli. Gli acidi grassi Omega-3 si trovano principalmente nel pesce, nell'olio di canola, nell'olio di semi di lino e nelle noci.

Nuova carta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *