5 sapori
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
olsa
True Beauty lab

Nella prima giornata di campionato, il Milan ospite dell’Udinese, alla Dacia arena, è caduto. I bianconeri hanno vinto di misura contro la compagine rossonera grazie ad un gol di testa del neo-acquisto Rodrigo Becão. Quello che colpisce di più non è la sconfitta del Milan, ma il numero di tiri in porta compiuti dai diavoli: zero.

Lo scorso anno a gennaio la squadra milanese, per risolvere la questione gol, ha acquistato, dal Genoa, l’attaccante polacco Krzysztof Piatek. Arrivato a Milano, il polacco scelse la maglia numero 19 con la quale in campionato ha giocato 18 partite siglando 9 gol.

Quest’anno Piatek ha scelto la maglia numero 9, maglia che da qualche anno a questa parte sembra rappresentare una maledizione per gli attaccanti rossoneri che la indossano. Dal 2001 al 2012 Filippo Inzaghi con quella maglia e con quel numero sulle spalle ha segnato 126 gol in 300 presenze, contribuendo a rendere grande il Milan. Dopo di lui chiunque ha indossato quella maglia con il 9 stampato sulle spalle ha fallito.

Nel 2012 è Alexandre Pato a prendere quella pesante eredità, ma chiude la stagione con zero reti in campionato. Dopo di lui è l’italiano Alessandro Matri ad indossare la 9 segnando, però, un solo gol; stesso numero di reti con quella maglia lo ha fatto Il Niño Fernando Torres. Invece, Mattia Destro si ferma a tre gol. Nel 2015 il Milan ha acquistato Luiz Adriano, ma anche lui non lascia un grande ricordo siglando solo 4 reti in campionato. Dopo il brasiliano ex Shakhtar è Gianluca Lapadula a prendersi quella maglia siglando 8 reti in serie A. Infine, è stata indossata da André Silva che si è fermato a 2 e Gonzalo Higuain, che prima di essere ceduto a gennaio al Chelsea, ha segnato 6 gol.

Adesso sta a Krzysztof Piatek dimostrare di essere in grado di sostenere quella pesante eredità, magari cominciando dalla partita contro il Brescia per portare al Milan i suoi primi tre punti del campionato di Serie A 2019/2020.

5 sapori

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here