ius soli

Un sondaggio Quorum/Youtrend afferma che più della metà degli italiani è favorevole allo Ius Soli, ovvero il principio che concederebbe la cittadinanza italiana a chi nasce in Italia da genitori stranieri.

Cos’è lo Ius Soli?

Come spiegato in precedenza, lo Ius Soli è un’espressione giuridica per indicare l’acquisizione della cittadinanza di un Paese da parte di chi nasce su quel territorio, nonostante abbia i genitori stranieri.

In Italia, l’ultima legge, introdotta nel 1992, prevede come unica modalità di acquisizione lo ius sanguinis (“diritto di sangue”): il bambino acquisisce la cittadinanza italiana se almeno uno dei genitori è italiano. Se ha genitori stranieri, il bambino nato su suolo italiano può chiedere la cittadinanza dopo il compimento dei 18 anni e se fino a quel momento abbia risieduto in Italia “legalmente e senza interruzioni”.
Attualmente, la legge è considerata insufficiente, poiché non concede a migliaia di bambini nati e cresciuti in Italia i benefici della cittadinanza.

Cosa cambierebbe?

La legge è sostenuta dal Partito Democratico, mentre sono contrari Forza Italia e Lega. Introduce due nuovi criteri per ottenere la cittadinanza prima del compimento dei 18 anni: lo ius soli temperatoius culturae.
Il primo prevede l’ottenimento automatico della cittadinanza se almeno uno dei due genitori si trova legalmente in Italia da almeno 5 anni. Se il genitore in possesso di permesso di soggiorno è un extra-comunitario, deve avere tre requisiti: reddito non inferiore all’importo annuo dell’assegno sociale, un alloggio che risponda ai requisiti di idoneità previsti dalla legge, deve superare un test di conoscenza della lingua italiana.

Il secondo criterio permette l’acquisizione ai minori stranieri nati in Italia o arrivati entro i 12 anni, se hanno frequentato le scuole italiane per almeno cinque anni e superato almeno un ciclo scolastico. I ragazzi che arrivano in Italia fra i 12 e i 18 anni potranno ottenerla dopo aver abitato sul territorio italiano per almeno sei anni e aver superato un ciclo scolastico.

Federica Fiordalice

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here