MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

L’Inter domani avrà una gara importantissima in chiave Champions, deve vincere domani e anche alla prossima per poter passare il turno.

“Ho sentito tanti giudizi negativi sulla gara con il Real Madrid, non dimentichiamoci che dopo mezz’ora eravamo sotto di un gol e in 10 contro 11. Chiaramente anche noi ci siamo complicati la vita, dobbiamo evitare gli stessi errori e uscire dal campo senza rimpianti. Se non siamo più padroni del nostro destino è perché abbiamo sbagliato delle cose, ma dobbiamo vincere per restare in corsa. Hakimi? Pressioni in Italia diverse rispetto alla Germania”, queste le parole di Conte, che successivamente risponde alle domande:

Cosa deve fare l’Inter per non sentire troppo questa gara, a differenza di quanto accaduto con il Real Madrid?

“Sono stati espressi tanti giudizi negativi sulla partita con il Real Madrid, si è parlato anche di una gara in cui il nostro avversario ha fatto quello che ha voluto, dimenticando al 30′ eravamo in 10 e avevamo subito un rigore dopo 4 punti. Sfido chiunque a cambiare la partita, in queste condizioni, con il Real Madrid. Sono rimasto soddisfatto dell’impegno e della volontà mostrata dai ragazzi in 10 contro 11. Poi, chiaramente, alcune situazioni che ci hanno penalizzato ce le siamo create da solo. Dobbiamo lavorare affinché ciò non succeda, perché poi tutto diventa più difficile. Affrontiamo una buona squadra, che sta facendo molto bene in Champions. Dovremo dare il massimo e uscire dal campo senza rimpianti”.

Quanta convinzione c’è di passare il turno?

“Abbiamo iniziato il percorso essendo arbitri del nostro destino, se oggi non lo siamo più significa che siamo mancati in alcune situazioni. Detto questo, l’unico modo per cercare di restare in vita è quello di vincere la partita contro il Borussia. Sappiamo che non sarà facile, al tempo stesso per noi può essere un’occasione per dare seguito a un percorso iniziato in Europa, dove spesso e volentieri ti trovi a giocare partite importanti, da dentro o fuori. C’è l’occasione per testare ancora una volta questo tipo di situazioni”.

Questa gara può essere per Hakimi un’occasione di rilancio?

“Su Hakimi ripeto le stesse cose che ho detto all’inizio, è un giocatore con grandi qualità ma che deve migliorare dal punto di vista difensivo. In Inghilterra e Germania si gioca con più tranquillità, in Italia invece ci sono maggiori pressioni e aspettative, soprattutto in una squadra come l’Inter”.

L’assetto visto col Sassuolo credi sia quello giusto per l’Inter?

“Riguardo l’assetto tattico, continuo a ribadire un discorso molto semplice che può essere recepito oppure no. Ci siamo ritrovati, dopo pochissimo tempo, a dover fare partite ufficiali con calciatori che non erano con l’Inter nella passata stagione. Alcuni, come Vidal e Darmian, erano già stati con me e quindi già erano rodati, diversamente da quanto accaduto con Hakimi e Kolarov. Abbiamo dovuto mettere in partite ufficiali giocatori che dovevano lavorare un bel po’ e fare determinate amichevoli per recepire alcune indicazioni. In tutte le situazioni ci vuole sempre molto equilibrio, però questo lo trovi anche giocando e capendo situazioni, caratteristiche dei giocatori e circostanze diverse rispetto al passato. A volte ci siamo riusciti, altre meno. Penso sia molto chiara la situazione”.

LEGGI ANCHE:L’Inter schiaccia il Sassuolo, 0-3 al Mapei

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK  INSTAGRAM TWITTER

 

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here