Antonio Conte
Antonio Conte
MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Dopo l’eliminazione dalla Coppa Italia, l’Inter dovrà fare subito i conti con la Lazio in campionato. Prima però Antonio Conte vuole chiarire il duro scontro con Agnelli. “La verità l’hanno vista e sentita tutti, questo per me è importante – ha spiegato -. Mi dispiace e sono qui per scusarmi perché ho reagito a una provocazione e a degli insulti in modo sbagliato“. Poi sul match con i bianconcelesti: “Sarà una partita molto difficile, ma anche stimolante“.

LA CONFERENZA DI CONTE

Sulla lite all’Allianz Stadium
“Prima di iniziare la conferenza stampa, penso sia giusto chiarire l’episodio accaduto allo Stadium. La verità l’hanno vista e sentita tutti. E questo è importante. Detto questo, noi siamo dei modelli educativi e siamo tenuti in qualsiasi circostanza a ricordarlo. Mi dispiace per quello che è successo e sono qui per scusarmi. Ho reagito nella maniera sbagliata a una provocazione e a degli insulti. Avrei potuto replicare in maniera diversa, più simpatica o positiva. Ne farò tesoro per la prossima volta. Ho sbagliato, avrei dovuto rispondere in maniera diversa. Ora però concentriamoci sul campo e sul calcio”

Ostacolo Lazio
“E’ una squadra che sta bene, reduce da tante vittorie di fila. Stiamo parlando di una realtà consolidata del campionato italiano, con una struttura precisa e giocatori di grande qualità e spessore. Sarà un test importante contro una squadra forte. Dovremo prepararci bene. Sarà una gara difficile, ma anche stimolante”

Il momento di Lukaku
“Dobbiamo essere bravi e intelligenti a capire che nella vita si può sbagliare. Sbagliamo tutti. L’importante è che ci si renda conto e si capisca il nostro ruolo. Romelo non credo che stia pensando a qualcosa al di fuori del calcio giocato. Sa che per noi è un giocatore importante, le ultime prestazioni sono state un po’ opache, ma sa che abbiamo bisogno di lui e contiamo su di lui”

Vidal e Barella
“Vidal non è a disposizione. Ha problemi e non ha svolto allenamenti con noi. Non so se riuscirà a entrare per la prossima gara. Deve ritrovare la condizione perché si sta portando dietro tanti acciacchi. Barella deve continuare a lavorare. Deve continuare a fare bene e sapere che le sue fortune dipendono anche dalle fortune della squadra. Ha tanti margini di miglioramento importanti come tutta la squadra. La crescita singola diventa importante se si vogliono raggiungere dei successi, ma deve essere legata alla crescita della squadra”

Tante occasioni, poca freddezza
“Creiamo molte occasioni da gol e siamo il miglior attacco del campionato. Ma dobbiamo riuscire a concretizzare di più. Questo è un passaggio importante per ottenere risultati. Se non si fanno gol, si esce dalle competizioni come è accaduto in Champions e in Coppa Italia”

Manca sempre il salto di qualità
“Quello che è successo nel passato non mi riguarda. Io parlo della mia squadra nell’ultimo anno e mezzo. Voglio considerare la mia gestione e credo che l’Inter sia cresciuta in maniera importante e abbia riacquistato credibilità sia in Italia, sia in Europa. Non siamo ancora dove dovremmo essere, ma ci stiamo lavorando e solo uno stupido non vede i progressi che abbiamo fatto. La crescita non è ancora compiuta in maniera definitiva. Dobbiamo migliorare non solo dal punto di vista mentale, ma anche qualitativo. I nostri avversari ci rispettano, ma sappiamo che il percorso è ancora lungo. Dobbiamo continuare a camminare, possibilmente a correre. Sono stati fatti passi da gigante, ma dobbiamo continuare a lavorare sodo”

Vecino
“Ci auguriamo che torni a essere un giocatore importante per l’Inter. E’ da tantissimo tempo che non è riuscito a dare un apporto. Ha qualità ed è un incursore bravo negli inserimenti che dà fisicità e ha grande corsa. Io conto su di lui. Stiamo cercando di migliorare la situazione con soluzioni interne, visto che non abbiamo altre opzioni da agosto”

Meno gol presi
“Non è un caso. Siamo partiti a inizio anno in una determinata maniera, cercando di essere molto aggressivi e lasciare tanto campo e spazio dietro alle spalle dei difensori. Questo ha portato alcuni aspetti positivi, ma anche negativi con qualche gol in più subito. Ora abbiamo trovato maggiore equilibrio, gestendo meglio la pressione in campo e rimanendo più compatti”

Brozovic
“E’ un ragazzo eccezionale e simpatico. Stiamo cercando di lavorare con lui per trovare la giusta posizione in campo. L’importante è che lui tocchi la palla dove è giusto. Deve essere determinante, ma forse è troppo generoso. Come Barella ha tanta energia e corre molto, ma quello che gli chiedo è di ottimizzare la corsa per farsi trovare nella posizione giusta ed essere più lucido. E’ migliorato molto sia nella fase di possesso, sia in quella di non possesso. E’ un giocatore diverso, più matuto, responsabilizzato e centrato”

PARLANO GLI ITALIANI BLOCCATI IN BRASILE: «ABBANDONATI QUI, NEANCHE L’AMBASCIATA SA COSA FARE»

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK  INSTAGRAM TWITTER

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here