Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
olsa
True Beauty lab

Finisce in manette a soli 12 anni per aver rivolto insulti razzisti ad un calciatore sui social. Accade nella regale Inghilterra dove, lo scorso lunedì 13 luglio, un minorenne è stato arrestato dalla polizia del West Midlands Police, reo di aver ingiuriato con epiteti xenofobi Wilfried Zaha, attaccante del Crystal Palace.

IL FATTO

Tutto comincia nel tardo pomeriggio di sabato 11 luglio luglio, alla vigilia del match tra l’Aston Villa e il Crystal Palace. A poche ore dalla partita, l’attaccante ivoriano degli Eagles riceve una aberrante sequenza di insulti razzisti sul suo profilo Instagram. “Str… nero, faresti meglio a non segnare domani, oppure verrò a casa tua vestito da fantasma”, recita uno dei messaggi a cui, poi, seguono immagini di cappucci bianchi del Ku Klux Klan. Incassato il colpo, Zaha decide di reagire denunciando alle forze dell’Ordine l’autore del post. In men che non si dica, la polizia riesce ad identificare l’hater: si tratta di un ragazzino di 12 anni tifoso dell’Aston Villa. “Un tifoso del Villa, di Solihull, è stato arrestato – spiega in una nota la polizia del West Midlands – Grazie a tutti coloro che hanno collaborato”. Successivamente, le autorità pubblicano un meme su Twitter: “Nessun razzismo sarà tollerato”, recita lo slogan.

BANDITO A VITA DALLO STADIO

Dopo le manette, per il 12enne è scattata la radiazione a vita dagli stadi. La comunicazione giunge dritta dalla dirigenza dell’Aston Villa che, stando a quanto riferisce il quotidiano La Nazione, comunica di aver decretato la squalifica a vita del ragazzino che, pertanto, non potrà più mettere piede sugli spalti dei campi di calcio. In manette e fuori dalle grate del rettangolo verde, dunque, per sempre.

 

LEGGI ANCHE: ARISA: “RUTTO, SCORREGGIO E AMO IL SOLE”

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE
krav-maga-national-academy
Mad Global Service
serral-3x3
Groupama Agenzia Roma Aurelio di Alessandro Buttinelli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here