aggressori willy duarte testimone
MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Per il giudice: «I Bianchi e Pincarelli hanno cercato di minimizzare il fatto assegnando la responsabilità a terzi. Per questo devono stare in carcere».

È basata sulle testimonianze di chi ha assistito all’aggressione di Willy Monteiro Duarte l’ordinanza di arresto per i fratelli Gabriele e Marco Bianchi, Mario Pincarelli e Francesco Belleggia. Il testimone chiave è Emanuele Cenciarelli che era con la vittima e altri amici in largo Santa Caterina a Colleferro.

«Gli saltavano sopra quando era già in terra»
Racconta Cenciarelli: «I due ragazzi con i quali Federico, l’amico di Willy, stava inizialmente discutendo ricordo che uno indossava una camicia di colore bianco e aveva in viso tatuata una lacrima sotto l’occhio, nonché diversi tatuaggi su entrambe le braccia e le mani. L’altro ragazzo invece aveva un braccio ingessato. Al momento dell’aggressione ricordo che oltre ai predetti ragazzi da me descritti si sono uniti altri tre ragazzi di cui che sono in grado di descrivere soltanto due. L’uno indossava una polo di colore verde con capelli molto corti e l’altro con un vistoso tatuaggio sul collo. Per quanto io ricordi tutti ragazzi sferravano calci e pugni contro me e Willy. Ho un vivido ricordo di un paio di loro che addirittura saltavano sopra il corpo di Willy steso in terra e già inerme»

Fonte “Corriere.it”

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here