super batterio in toscana

Il super-batterio chiamato New Delhi, tra il novembre 2018 e il 31 agosto 2019, avrebbe causato 30 morti in Toscana.

A lanciare l’allarme è l’aggiornamento dell’Agenzia Regionale di Sanità, che ha rilevato come ci siano stati 708 ricoveri di soggetti portatori del ceppo batterico. Il batterio è stato isolato nel sangue di 75 pazienti, con una mortalità pari al 40% tra i pazienti.

Da oggi tutti i dati sono disponibili sul sito dell’Agenzia regionale di sanità (Ars), dove settimanalmente saranno pubblicati i dati per il New Delhi, con il numero di test positivi e la percentuale di decessi con presenza batterio.

Che cos’è questo batterio, è un enzima prodotto da alcuni particolari batteri presenti nell’intestino, i quali hanno la potenzialità di annullare l’effetto di numerose tipologie di antibiotici.

Di seguito la sintomatologia : di solito l’infezione da NDM si manifesta come tante altre altre infezioni sistemiche. I principali sintomi dell’infezione sono la febbre, l’infezione del tratto urinario, eruzione cutanee improvvise, dolori al torace, polmonite, problemi neurologici e in determinati casi anche disturbi gastrici.

NDM (acronimo del batterio) ha poi un alto rischio di diffusione tra le strutture sanitarie e la presenza di un focolaio in una zona altamente turistica, come può essere la Toscana, può anche portare ad un elevato rischio di trasmissione. Anche l’ARS della Toscana scrive che la diffusione dei batteri NDM ha riguardato numerosi ospedali, nella maggior parte dei casi si è trattato di colonizzazioni, ma si sono verificati anche casi di infezioni gravi in pazienti già compromessi. Secondo gli esperti questi batteri, che normalmente fanno parte della flora intestinale umana, possono trasmettersi per contatto. La mancata osservanza di corrette pratiche di igiene, come la detersione delle mani da parte degli operatori sanitari negli ambienti ospedalieri, può anche essere un’altra causa di trasmissione del batterio.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here