MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Il miracolo delle api a Notre-dame, sopravvissute all’incendio

Aprile dello scorso anno ha raccolto testimoni da tutto il mondo nell’assistere alla deflagrazione artistica più sconvolgente dei nuovi anni 2000. Ma l’incendio della cattedrale di Notre-Dame non ha rischiato solamente di cancellare una pietra millenaria. Abbiamo rischiato anche di vedere estinguersi circa 200 mila impollinatori presenti sul tetto della cattedrale. Sì, perchè non solo qui la storia e la natura ricordano all’uomo come questi due motori possano agire in sinergia. Ma anche su altri 700 tetti della città, 350 alverai animano gli spazi sopraelevati dei boulevards parigini e donano vita. La buona notizia è che la società Beeopic, che si occupa di diverse arnie sparse per la città, ha monitorato con dei droni lo stato di salute delle api. Sono sopravvissute agli incendi nonostante le esalazioni tossiche del fumo. E contro ogni aspettativa doneranno anche quest’anno una florida produzione di miele

PAC ed impollinatori

Se le api parigine godono di buona salute, lo stesso non si può dire per le loro colleghe attorno al mondo. Grazia Francescato, ci ha ricordato durante la nostra rubrica Green del Lunedì, come tutti gli impolllinatori si trovino in serio pericolo. Bombi, api e coleotteri  dovrebbero essere il punto focale di una possibile ristrutturazione della PAC (Politica Agricola comune). Una delle politiche europee che impiega circa il 40% del budget europeo. Risorsa fondamentale anche alla sopravvivenza delle agricolture dei paesi dell’est europeo, e che proprio dall’anno scorso dovrebbe essere quasi per la sua metà dedicata all’innovazione ambientale. Ma l’Unione europea potrebbe fare di più. E se da un lato la Francia ha già approvato singolarmente l’abolizione di cinque nicotinoidi, responsabili di stordimento e alterazione delle api, l’Unione europea ne ha formalmente banditi solamente tre. Queste sostanze tossiche sono state bandite in Francia non solo per le colture a campo aperto ma anche per quelle in serra. E ci si potrebbe domandare se non interverrano nuove sostanze chimiche a sostituire quelle fuori commercio. Per non parlare della sostanziale guerra commerciale che prodotti, dove tali restrizioni non sono apposte, potrebbero causare ai piccoli coltivatori.

Ma l’EFSAN (l’Autorità europea per la sicurezza alimentare) proprio nel 2019 ribadiva i rischi portati dai neonicotinoidi alle api selvatiche e quelle allevate dagli apicoltori. Sarebbe anche interessante indagare sull’interazione tra api mellifere e api allevate per capire tant’è, se quest’ultime possano trasmettere alle altre, malattie alle quali non sono normalmente soggette. Una cosa è certa: L’uomo sta interagendo con gli Ecosistemi senza un criterio che abbia una visione a lungo termine.

Monsanto-Bayern

E per citarne un’altra: cosa accade quando uno dei più pericolosi sposalizi tra due multinazionali, una del Farmaco e l’altra di biotecnologie agrarie, viene in essere con un abbraccio della morte per l’ecosistema? Prima di tutto accade quello che abbiamo visto con il Round-up. Un pesticida a base di Glifosato, che è stato provato sia un cocktail di sostanze cancerogene, oltre che causa di irreversibili cambiamenti per la resistenza delle colture. L’Unione europea non ha ancora una posizione chiara in merito, fatto sta che l’hanno dovuta intraprendere singolarmente alcuni paesi europei.

Beelife

Tornando alle api, dobbiamo sicuramente confidare nelle forze extra-istituzionali europee. Il coordinamento di apicoltori europei Beelife, così come ci ricorda Grazia, si è proprio occupata di proporre una PAC interamente dedicata agli impollinatori. Nessuno meglio degli esperti del mestiere, e considerando anche la forte impronta sussidiaria dell’Ue, avrebbe potuto proporre un piano più organico. Dall’istituzione di indici che monitorino la consistenza della popolazione delle api, agli impatti che l’esecuzione delle varie politiche agricole possono avere su di loro.

Le api sono miracolose e noi continueremo ad occuparci di miracoli e oracoli green tutti i Lunedì alle 11.30 sempre su I Due Leocorni.

Seguici su Facebook

Claudia Comandini

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here