Il dottor Đurović ha spiegato tutto sugli integratori: questo è il più grande malinteso sulla vitamina D e se ci credi, sei a rischio.

Professore di Endocrinologia. Dott. Marina Nikolic Đurović ha spiegato che l’integratore di vitamina D3 è molto importante, soprattutto adesso durante la pandemia di coronavirus, la cui quantità e i cui valori sono desiderabili, ma sono tossici!

La carenza di vitamina D3 può manifestarsi con debolezza, malessere e dolore muscolare. Stiamo controllando adeguatamente il livello di vitamine e quali sono i valori normali?

“Non l'abbiamo mai fatto. Non l'abbiamo fatto fino a quando non si è verificata la pandemia e non è stata compresa l'importanza della somministrazione di vitamina D3. La pandemia ha dimostrato che esiste un'epidemia di carenza nel mondo e ci sono molti pazienti. , Da 30 a “Il 50 per cento delle persone in tutto il mondo ne sono carenti. Studi e molti altri sistemi respiratori e quel sistema. “Hanno dimostrato di essere importanti per prevenire le infezioni. Le infezioni da Corona sono molto basse nelle persone normali. Cioè, se vai in laboratorio, dal 75 al 75% 150 nanomoli per litro o da 30 a 60 nanogrammi per millilitro”, ha detto a Prava TV.

Di quanto dovrebbe essere “aumentato” quel numero e quale dosaggio di integratore è il migliore?

“A seconda del livello di vitamine, se si tratta di pazienti con malattie croniche, diabete, ipertensione, malattia polmonare ostruttiva, è necessario aumentare il livello di vitamina D3, quindi dovrebbero essere più di 100 nanomoli per litro. Il supplemento dipende su ciò che il paziente sta assumendo, ora un “Raccomandiamo almeno 2.000 UI (unità internazionali) al giorno o stimiamo la dose in base a quale goccia viene assunta e quanto contiene. Se 400 UI. , prendi cinque gocce e così su, ma 2.000 IJ al giorno,” ha detto.

READ  L'interfaccia utente 6.1 ottiene una nuova app Samsung Find per individuare gli oggetti smarriti

Esiste una dose massima raccomandata, ma esiste una dose che può causare un effetto tossico.

“Certamente la dose più alta che si può assumere in sicurezza è 4.000 IJ al giorno. La dose tossica è superiore a 250 nanomoli per litro. I pazienti dovrebbero aumentare la dose durante infezioni gravi fino a assumerne 2.000 per mantenerla normale. Gli studi dimostrano che le persone che assumono vitamina D hanno una forma più lieve della malattia. , una piccola percentuale di loro contrae il corona e un piccolo numero di loro finisce con un esito fatale. A causa della vitamina D3,” ha detto.

Si parla molto del fatto che produciamo la nostra vitamina D quando iniziano le giornate soleggiate, ma il medico lo smentisce.

“Prendere il sole non basta, 15 minuti al mattino e altri 15 minuti al pomeriggio non sono sufficienti per una sintesi adeguata. Nei mesi estivi, se il paziente è normale, l'integratore viene assunto in quantità leggermente inferiore. Valore, se si andare al mare e indossare una crema protettiva con un fattore superiore a 15, prenderà vitamine dalla pelle.” Non sono assimilabili. L'ottanta per cento della concentrazione totale proviene dalla pelle”, ha detto.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *