Il cervello di uno psicopatico è diverso da quello di chiunque altro: scopri perché

Il cervello degli psicopatici confermati è diverso da quello delle persone non diagnosticate, hanno scoperto gli esperti, e ora sperano che possa aiutare a curarli e prevenire la criminalità.

Cos'è la malattia mentale? Spiegato in modo semplice: un disturbo della personalità che è già visibile durante l'infanzia e inizia a manifestarsi in modo più forte durante la pubertà. Gli psicopatici sono caratterizzati da una mancanza di empatia, sono maestri della manipolazione e possono funzionare molto bene nella società copiando comportamenti socialmente accettati, il che per loro non conta nulla.

La corteccia frontale del cervello rappresenta la malattia mentale

Gli scienziati studiano questo disturbo da anni. Un nuovo studio pubblicato sull'Oxford Academic Journals ha rivelato che la malattia mentale è strettamente correlata ai cambiamenti, vale a dire. Anomalie nella corteccia prefrontale del cervello.

– Anche se le malattie mentali negli Stati Uniti rappresentano solo l'1% della popolazione totale, è stato confermato che dal 15 al 25% dei detenuti sono malati di mente – ha detto Cole Korbonai, uno dei ricercatori dell'Università del Wisconsin-Madison.

– L'obiettivo della ricerca era determinare se questi individui presentassero differenze fisiche nel cervello rispetto alla popolazione media. Comprendendo meglio il funzionamento di queste persone, crediamo che in futuro potremo aiutare le persone con malattie mentali utilizzando determinati trattamenti – ha spiegato Korponay sul portale PsyPost.

Uno studio sui prigionieri

I ricercatori hanno acquisito immagini tramite risonanza magnetica della corteccia frontale del cervello di 124 detenuti di una prigione del Wisconsin e le hanno confrontate con il cervello di individui che non presentavano malattie mentali. Hanno raccolto dati sul volume di diverse aree del cervello e poi hanno somministrato ai detenuti un questionario per diagnosticare la malattia mentale.

READ  Qual è la differenza tra Bayern e Bayer?

“Abbiamo scoperto che i detenuti con alti livelli di psicosi avevano maggiori quantità di materia grigia nella corteccia prefrontale – l'area del cervello responsabile dell'autoregolazione e dell'adattamento sociale. Abbiamo anche visto che l'attività tra la corteccia prefrontale e le sue sottoregioni era più attivo in questa popolazione. Nel loro insieme, il cervello delle persone con malattie mentali presentava strutture anormali della corteccia prefrontale. E la ricerca mostra che esistono funzioni. Queste anomalie possono essere strettamente correlate all'autocontrollo e all'accettazione delle regole sociali in questi individui – ha spiegato i risultati della ricerca Korbonai.

Questa conoscenza può aiutare gli psicopatici a capire come pensano e come prendono decisioni. Sperano che questo scoraggi i futuri criminali dalle loro azioni. Inoltre, grazie a questa ricerca, è stata aperta la porta a uno studio più approfondito della malattia mentale per trovare modi migliori per aiutare i malati di mente. Nuove cure e possibile prevenzione dei comportamenti psicotici, riferisce 24sata.

Segui Krstarica tramite l'app mobile per Android e iPhone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *