Secondo i dati del Mef sono state richieste oltre 500 mila domande per aver accesso al Reddito di Cittadinanza. Sono dati importanti quelli raccolti dai migliaia di sportelli dei Caf a quasi due settimane dal via libera alle richieste del Rdc.

La Consulta Nazionale dei Caf ha raccolto dati in in 10 città campione, da Nord a Sud, su 7.964 domande. Andando ad analizzare con la lente di ingrandimento i richiedenti, si nota come quai il 7% dei richiedenti sia un under 30, tutti della maggior parte del Sud. Infatti, al Sud il 10% dei richiedenti è under 30, al Nord sono solo quasi il 5% e al centro un esiguo 3%.

Sotto la lente d’ingrandimento sono i dati che emergono dal numero delle domande effettuate da cittadini stranieri, che risultano essere il 9,5% dei richiedenti, con un dato rilevante al Nord del 15,4%, al Centro dell 9% e di uno scarso 3,4% al Sud. Ciò denota come molti non son riusciti ad integrarsi economicamente nel nostro paese.

Importante sottolineare come 8 domande su 10 siano state depositate da famiglie, con la differenza che al Nord con il 21% e al Centro con il 23%, le richieste vengono principalmente da cittadini singoli, mentre nel meridione dal solo 12%.

La distribuzione è equa in tutta Italia come era stato preannunciato dal Ministro Luigi Di Maio, con la maggior parte delle richieste dal mezzogiorno ed un’alta presenza di richiedenti dal Nord. Ciò sta a delineare come anche nelle regioni economicamente più valide le persone in difficoltà non siano assenti, anzi sono aumentate negli ultimi anni. Il viceministro tende la mano al neo segretario del Partito Democratico Zingaretti in tal senso, invitandolo ad aver a cuore la questione come la sinistra dovrebbe fare, lanciando la sfida per un futuro salario minimo italiano.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here