Giulio Andreotti
Giulio Andreotti

Sono affiorati da uno sgabuzzino i diari segreti di Giulio Andreotti, politico di spicco della Prima Repubblica Italiana. Circa centottanta, tra diari, agende, quaderni e appunti, dal 1944 al 2009.

Basta uno sguardo a una piccola parte di quegli scritti per rendersi conto della vita politica, a 360°, del leader democristiano, dagli incontri in Vaticano, a quelli con i Sovietici e gli Americani.

Aneddoti di storie e racconti dall’inizio della carriera politica fino all’apice, gli incontri con Giovanni Paolo II e Paolo VI, i viaggi nelle Filippine, in Argentina da Juan Peron, Reagan, Agnelli, Ceaucescu, Fidel Castro e Gheddafi.

Una scoperta che obbliga a rileggere la storia d’Italia con la calligrafia di chi sulla nostra storia ci ha messo una firma pesante.

Una sorta di scatola nera della Prima Repubblica.

Leggi anche: Ponte Morandi, Autostrade per l’Italia attacca Di Maio

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here