Fiaccolata Bibbiano

Mettiamo subito in chiaro una cosa, una luce la fiaccolata di Bibbiano l’ha sicuramente accesa. Quella del coraggio. Oltre le solite polemiche sulle cifre, un migliaio secondo gli organizzatori, poco più di 500 persone secondo “le autorità del PD”, la tenacia e la perseveranza dei cittadini di Bibbiano durante questi giorni è stata sicuramente ricompensata.

Difficile trovare oggi qualcuno che al pronunciare la parola “Bibbiano” non ricolleghi subito all’inchiesta “Angeli e Demoni” e allo scandalo sugli affidi. Proprio  il coraggio degli organizzatori della fiaccolata ha stimolato tantissime Mamme e Papà che si trovano in situazione analoghe o quasi a quelle dell’inchiesta e non mollare e sporgere denuncia.

Primi Casi di denunce anche nel Lazio:

Raggiunte dai nostri microfoni, due mamme residenti nella Regione Lazio e che per il momento preferiscono restare anonime, hanno infatti denunciato oltre che alla nostra radio anche alle autorità competenti due casi del tutto simili a quelli di Mirandola e di Bibbiano. Latina e Rieti sono i tribunali coinvolti, nella prima la mamma ha visto “sottrarsi la figlia” durante le lezioni scolastiche a seguito di una denuncia fatta da lei stessa contro il padre della bimba per maltrattamenti; nella procura reatina, la mamma si è trovata in difficoltà economiche dovute alla perdita prematura del marito e padre della bimba. in entrambi i casi sono intervenuti gli assistenti sociali e “senza tanto approfondire” hanno portato via le  bimbe alle loro mamme. In entrambi i casi le famiglie di provenienza delle minori hanno nonni, cugini, zii, ma tutto questo non è bastato.

Manifestazione Montecitorio

Particolarmente grave il Caso di Latina, dove la bimba manifesta difficoltà dovute ad una malattia ancora in fase di diagnosi certa, che si sono aggravate dopo l’allontanamento dalla mamma. ” Entrambe le donne hanno fortemente rimarcato che “lo stato spende circa 90 euro al giorno per le nostre bimbe perché quei soldi non li danno a noi e ci lasciano le bimbe?”. Anche a queste domande dovrà rispondere la commissione parlamentare che sarà istituita entro la fine di luglio su Bibbiano, senza dimenticare quella che già sta operando sui fatti del Forteto.

Previste altre fiaccolate e convegni sul tema degli affidi

A promettere che nonostante gli “sberleffi” poco riguardosi del delegato alla Cultura del PD di Bibbiano che ha  commentato su Facebook la fiaccolata in maniere poco riguardosa (commento adesso rimosso, per fortuna) è stato Cristiano Lugli, dell’associazione Renovatio21 ” un associazione che si occupa di promuovere la cultura della famiglia” ad annunciare ad i nostri microfoni due iniziative, una Giovedì a Reggio Emilia  ed una nuova fiaccolata Venerdì a Modena.

“Quando abbiamo fatto la fiaccolata a Bibbiano il clima nel Paese era surreale, le finestre erano chiuse, come se di queste cose non si dovesse più parlare. Invece noi crediamo che parlandone si stimolino altre mamme ed altre papà a denunciare anche le loro situazioni, perché questo sistema di affidi così come lo conosciamo deve finire” ha aggiunto Lugli. “il colore politico che hanno voluto dare alla manifestazione, fa parte di una strategia per continuare a mischiare due discorsi che non c’entrano nulla. C’erano persone di ogni colore politico, anche persone che hanno votato il PD. Questa è una strategia per creare una cortina fumogena che invece noi vogliamo squarciare, c’erano tantissime persone di Bibbiano, ma anche non di Bibbiano, proprio perché il caso ormai è un caso nazionale

Ascolta il PODCAST della trasmissione:


“sul lungo periodo vogliamo far dimenticare questi fatti, ma ora no. Bibbiano è fatta anche di tantissime brave persone” conclude Cristiano Lugli.

 

E infatti le tante associazioni ed i tanti cittadini non si sono lasciati confinare dal muro dell’omertà e stasera (Giovedì) a Reggio Emilia con Renovatio21 parteciperanno ad un Convegno sul tema degli affidi della famiglia ( 21:15 Albergo della Rotarie con l’avvocato Francesco Miraglia) e Venerdì saranno a Modena per una nuova fiaccolata (ore 20:00). 

 

Manifestazioni anche a Roma:

Due manifestazioni si svolgeranno anche a Roma, la prima sotto il Ministero della Giustizia in Piazza Cairoli alle ore 11:00 e la seconda Mercoledì 31 Luglio alle ore 16 presso Piazza Montecitorio sotto la sede del parlamento.

Manifestazione Roma

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here