MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Una 36enne era stata accusata di stalking dall’ex fidanzato, un 50enne spezzino che aveva interrotto la relazione e deciso di tornare con la moglie. Condannata in primo grado a un anno e quattro mesi di reclusione dal tribunale della Spezia, la donna è poi stata assolta in appello a Genova con formula piena “perché il fatto non sussiste”. Le telefonate e i messaggi rivolti all’ex – erano stati calcolati circa 600 contatti telefonici al mese nell’arco di 7 mesi – erano, infatti, secondo i giudici, un tentativo di riallacciare la relazione. Lo riporta La Nazione.

Davanti al giudice monocratico, il 50enne aveva detto che il comportamento della donna gli aveva provocato “grave stato di ansia e paura”, tormentandolo con sms, telefonate, pedinamenti e aggressioni verbali. La 36enne, residente nel territorio di Aulla (Massa-Carrara) ma originaria della Spezia, avrebbe anche inviato mail ed sms di tono “ingiurioso e minaccioso” alla moglie e al figlio dell’uomo e chiamato nel cuore della notte la madre di quest’ultimo.

Il quadro probatorio che ha portato alla condanna in primo grado è stato però ribaltato nel giudizio di appello a Genova. Non sono stati dimostrati i presunti stati di ansia dell’uomo, mentre le telefonate sarebbero state appunto un modo per tornare con l’ex.

LEGGI ANCHE: MALTEMPO IN FRANCIA, 12 DISPERSI A NIZZA

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK  INSTAGRAM TWITTER

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here