MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Manca poco più di un mese all’approvazione definitiva da parte del Parlamento della finanziaria 2021, ma per l’Ufficio parlamentare di bilancio la situazione è molto nebulosa. “La struttura della politica di bilancio risulta parzialmente indefinita”, così il presidente dell’Ufficio parlamentare di bilancio, Giuseppe Pisauro, in audizione sulla manovra alle Commissioni bilancio di Camera e Senato.

Nella sua relazione il vertice dell’Upb ha spiegato analizzato la legge di bilancio dividendola, sostanzialmente in tre parti: interventi ancora emergenziali, misure strutturali e indicazioni “di larga massima” sull’utilizzo dei fondi Ue, a cui si aggiungono misure microsettoriali. Proprio sull’utilizzo dei fondi del Next Generation Eu, il piano di sostegno per la ripresa economica dopo gli effetti della pandemia Covid-19, voluto dalla Commissione europea, non sono però riportati dettagli “e questo – spiega Pisauro – rende anche difficile valutare l’impatto della retroazione fiscale previsto dal governo per i prossimi anni. Per l’Ufficio parlamentare di bilancio le stime del governo sulla retroazione sono anzi “alquanto ottimistiche”.

In audizione alle Commissioni parlamentari ieri, martedì 24, anche il Capo dipartimento economia e statistica della Banca d’Italia Eugenio Gaiotti. Secondo le stime elaborate dalla dirigenza di Via Nazionale il nostro Paese il prossimo biennio crescerà in media soltanto di 2 punti percentuali di Pil. “Mentre per il 2023 – ha continuato Gaiotti – è prevista una crescita del Pil dell’1,3 per cento”. Il Capo dipartimento di Bank Italia, infine, ha sollecitato la maggioranza e l’esecutivo a promuovere una riforma complessiva del fisco.

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here