La spesa
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
Just fit
True Beauty lab

La spesa ai tempi der Covid

So’ tempi duri, se sa, la gente nun pò usci’.
Pe’ usci’ ce devi ave’ er cane, devi anna’ a lavoro, devi esse’ Gelindo Bordin o devi anna’ a fa’ la spesa.
Fra tutte le opzioni, l’ultima è la meno ludica e la più faticosa, de ‘sti tempi più che anna’ a lavora’.
Esci la mattina alle 7:00 🕖 e nun sai quando rientri 🕛, saluti tutti, fai la cazzata de parti’ de casa co’ guanti e mascherina già indossati pe’ non avecce intralci dopo.
“Amo’ do’ vai?”
“Vado a fa’ la spesa! Ar Covid!”
“Dove?”
“Ar Covid, er supermercato!”
“Ce l’hai la lista della spesa?”
“Ce l’ho sul telefono!” 📲
“Ce l’hai l’autocertificazione?” ✉️
“Ah già è vero!”

Allora rilevate la mascherina, rilevate i guanti, compila l’autocertificazione, ribbardate tutto e riparti…

In ascensore già te se appannano l’occhiali ma non li pòi tocca’ coi guanti sennò te infetti, c’hai già spinto er piano terra.
Resisti, trovi la macchina sali e t’avvii. Ar supermercato già ce sta la fila, pji er carrello e la cominci a segui’ pe’ arriva’ in coda, fai er giro de 8 palazzi e trovi la coda, sei partito da Monteverde e te ritrovi alla Magliana.

Arriva er vigile 👮‍♂️

“Mi faccia vedere l’autocertificazione” ✉️
“Tenga”
“Ma lei è di Monteverde e viene a fare la spesa al Carrefour alla Magliana? Sa che è in fallo?”
“No ma questa è la fila der Conad de Monteverde, c’ho pure er carrello!” 🛒
La fila dura du’ ore, tutti in guanti e mascherina.
Paradossalmente mo che non c’è traffico e l’aria è pulita la gente va in giro co’ la mascherina, pure se sta a tre metri de distanza. Le mascherine se le leveremo quando tornerà lo smog. Fatece caso.

Nel mentre te passa de fianco pure qualche runner🏃‍♂️, pure qualche runner che fino a ieri era ‘n falso invalido ♿️ e oggi magicamente se riscopre podista.
Er tempo nun passa ma tu c’hai er telefono 📲 che te tiene compagnia e allora apri Instagram, Facebook, YouTube, Netflix, SkyGo, Shazam, Badoo, Whatsapp dove nella chat der calcetto, ‘sti giorni, è un tripudio de pornografia, come l’altri giorni, d’altronde.

Verso l’ora de pranzo arrivi all’ingresso, giusto in tempo perché er telefono s’è scaricato ma tu sei furbo 🦊 e hai cronometrato bene i tempi.
Posi er telefono.
Entri, te serve la lista della spesa, prendi er telefono ma è scarico…
“Che dovevo prende’? Perché sto qua? Chi so’? E mo che faccio?”
A schemi ormai saltati vai a intuito e spirito de sopravvivenza e inizi a arraffa’ cose a caso.

“Guardi che quello è l’estintore”

te urla la commessa.
Te suda il volto, te sudano le mani, te se appannano l’occhiali, te vorresti gratta’ la fronte ma devi segui’ er protocollo. Così lasci che la goccia 💧 de sudore se spalmi sull’occhiali 👓
Hai riempito er carrello de tutto er necessario pe’ la sopravvivenza: birre, arachidi, pistacchi, patatine, ova de Pasqua, pizza, affettati, patatine, carta igienica 🧻, ma pure un po’ de verdura a caso, pane, ‘na bistecca e ‘r sapone.
Arrivi alla cassa, finalmente se scorre, la fila sta de fòri, mica dentro, pji, paghi e torni a casa.
So’ le 15:00 🕒, i fij c’hanno fame, tu’ moje te sta a aspetta’ co’ le mani a brocca, er telefono era spento, eri irraggiungibile.
Te becchi er cazziatone del ritardo e pure quello della spesa:
“Ma che è ‘sta roba? Ma che hai preso?”
Te giustifichi da omo:
“C’era solo questo!”
“E st’estintore?”
“Stava ‘n offerta”

Leggi anche: Er giro de Peppe (intorno alla Reale)

SEGUICI SU FACEBOOK TWITTER INSTAGRAM
ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

krav-maga-national-academy
Mad Global Service
serral-3x3
Groupama Agenzia Roma Aurelio di Alessandro Buttinelli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here