MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Prendeva in prestito il cane da un amico e lo utilizzava per organizzare incontri a luci rosse in un appartamento della Bergamasca. Era proprio l’american staffordshire terrier la vittima di quegli incontri, come ha riconosciuto il giudice per l’udienza preliminare Federica Guadino che ha condannato G. S. – 58enne di Seriate – a 2 anni e 4 mesi di reclusione per maltrattamento d’animale ed estorsione.

Una storia grottesca che come ricorda il Corriere della Sera era stata portata alla luce nel 2018 dal produttore e regista Luciano Silighini Garagnani, collaboratore delle Iene, che si era finto un cliente e aveva risposto a un annuncio pubblicato su un sito specializzato.

Il reato di estorsione è stato contestato proprio perché nel momento in cui Garagnani ha rivelato la sua vera identità, l’uomo ha comunque preteso il pagamento di 20 euro. Altrimenti, se non avesse pagato, non gli avrebbe consentito di lasciare l’appartamento. Facile dire che non appena lasciata l’abitazione l’inviato delle Iene ha denunciato ai carabinieri il cinquantottenne.

Il cane di grossa taglia è stato restituito al suo proprietario, il quale ha sostenuto di non aver mai saputo nulla di quanto facesse l’amico con il suo cane ma che, semplicemente, glielo affidava quanto glielo chiedeva.

PARLANO GLI ITALIANI BLOCCATI IN BRASILE: «ABBANDONATI QUI, NEANCHE L’AMBASCIATA SA COSA FARE»

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK  INSTAGRAM TWITTER

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here