elezioni europee
MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha votato in centro a Roma, presso la scuola “Virgilio”. A chi gli chiedeva come è andata, Conte ha risposto sorridendo: “Bene, ho fatto il mio segno. Buona giornata e buon lavoro”.

Il vicepremier Luigi Di Maio ha votato a Pomigliano d’Arco (Napoli). Ad attenderlo una sezione tutta al femminile. Strette di mano, selfie e cori ‘Luigi Luigi’ all’uscita dal seggio. Il vicepremier ha raggiunto l’auto coperto da ombrelli dei sostenitori per ripararlo dalla pioggia battente. “Oggi – ha detto Di Maio – nessuna dichiarazione. C’è il silenzio elettorale. Un ‘in bocca al lupo’ a tutti. Ora vado a pranzo da mia madre, nel pomeriggio torno a Roma”.

Berlusconi ha votato per le elezioni europee a Milano, nel seggio allestito presso la scuola media di via Scrosati, nel quartiere Lorenteggio. L’ex premier ha atteso il suo turno in coda nel corridoio del seggio e, nel frattempo, ha salutato alcuni cittadini, stretto mani e fatto selfie e foto. Poi è entrato a votare nella cabina elettorale e all’uscita ha ringraziato fotografi, operatori video e giornalisti dicendogli: “A tutti voi grazie e buon lavoro”. Berlusconi ha parlato con i giornalisti spiegando: “Sono venuto qui a votare perché per tanti anni sono stato qui con la mia mammina a votare. Sono un sentimentale”. A chi gli ha fatto notare che non era registrato al seggio Berlusconi ha detto: “Un candidato può scegliere dove andare a votare e io ho scelto il ricordo”.

Si vota anche in Piemonte per l’elezione del presidente e il rinnovo del Consiglio regionale e in 3.800 comuni per i sindaci e i consigli comunali. Sono 50.952.719 gli elettori per le europee, 16.053.792 gli elettori per le comunali e 3.616.010 per le regionali in Piemonte. I seggi chiuderanno alle 23. Subito dopo inizierà lo spoglio delle schede partendo da quelle per le europee. Domani alle 14 inizierà quello per le Regionali e le Comunali. Anche oggi, giornata di votazione, vige il “silenzio elettorale”.

Per le Europee i seggi sono aperti in 21 Stati Ue per eleggere 750 eurodeputati: oltre all’Italia, la Germania, la Francia e la Spagna. Nei giorni scorsi si è votato in Gran Bretagna, Olanda, Irlanda, Repubblica Ceca, Slovacchia, Lettonia e Malta.

Europee mai così politiche. Grana Mercatone per governo – Sono consultazioni europee ma sembrano elezioni politiche: Il governo Conte rimarrà in carica? La coalizione gialloverde sarà ancora maggioranza nel Paese? La Lega sfonderà o meno quota 30%? La seconda forza politica sarà il Movimento Cinque Stelle o il Pd? E Forza Italia resterà sopra la soglia del 10%? Sono questi infatti i grandi interrogativi che dominano questa concitata vigilia elettorale, giornata in cui irrompe nello scontro politico il fallimento di Mercatone Uno, 55 punti vendita in tutta Italia per 1800 dipendenti a rischio. Uno shock per il governo, tanto che il ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, annuncia di aver anticipato a lunedì il tavolo sulla vertenza al ministero. Ma è il suo alleato-antagonista, Matteo Salvini, a bruciarlo sul tempo: “mi impegnerò personalmente incontrando sindacati, lavoratori, fornitori e proprietà, non si possono lasciare dipendenti a casa senza rispettare gli impegni presi”, dice sui social il ministro dell’Interno. Pd e sinistra all’attacco chiedono al capo politico dei Cinque Stelle di riferire in Parlamento. Anche Giorgia Meloni (FdI) chiede al governo “un intervento tempestivo”.

 

Fonte:ANSA

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here