MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

L’Italia torna a due colori come stabilito dall’ultimo decreto covid varato dal governo di Mario Draghi e valido fino al 30 aprile. La novità, in vigore da oggi, è rappresentata dal passaggio di Veneto, Marche e provincia autonoma di Trento in zona arancione, come stabilito dall’ordinanza del ministro Roberto Speranza.

Ma  come è divisa l’Italia?

Zona rossa per Lombardia, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Puglia, Toscana, Valle d’Aosta.

Zona arancione per Abruzzo, Basilicata, Lazio, Liguria, Marche Molise, Sicilia, Sardegna, Umbria, Veneto e Province autonome di Bolzano e di Trento.

Da oggi, sulla base del nuovo decreto, scuola aperta fino alla prima media anche in zona rossa. Il decreto prevede che dal 7 al 30 aprile 2021 sia assicurato inderogabilmente, sull’intero territorio nazionale, lo svolgimento in presenza dei servizi educativi per l’infanzia e della scuola dell’infanzia, nonché dell’attività didattica del primo ciclo di istruzione e del primo anno della scuola secondaria di primo grado.

Per i successivi gradi di istruzione è confermato lo svolgimento delle attività in presenza dal 50% al 75% della popolazione studentesca in zona arancione mentre in zona rossa le relative attività si svolgono a distanza, garantendo comunque la possibilità di svolgere attività in presenza per gli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali. Il quadro può cambiare a livello locale per provvedimenti più restrittivi ad hoc.

L’UE PRESENTA IL ‘PASSAPORTO’ VACCINALE, IN VIGORE DA GIUGNO

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK  INSTAGRAM TWITTER

 

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here