Emergency
MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Dal sito ufficiale di Emergency di Gino Strada.

In un momento del genere servirebbe l’aiuto di tutti i medici sul territorio nazionale.

Nel decreto “Cura Italia” si richiede l’aiuto di tutti i giovani laureati, anche che non abbiano fatto l’esame di stato per dare supporto al sistema sanitario Nazionale.

I “VOLONTARI” di Emergency, stanno dando il loro contributo? Stanno mettendo a disposizione quelle risorse raccolte con la beneficenza?

Intanto, leggiamo questo:

“Finchè l’emergenza sanitaria in atto nel nostro Paese non terminerà, abbiamo deciso di sospendere tutte le attività organizzate dai nostri volontari sul territorio nazionale, legate al sostegno e alla sensibilizzazione delle persone verso il nostro lavoro in Italia e nel mondo.

Crediamo che in questo momento sia prioritario ridurre al massimo le occasioni di contatto per stare dalla parte di tutti i medici, gli infermieri e il personale ospedaliero che stanno lavorando senza sosta, da nord a sud.

Siamo sempre attivi e presenti sui nostri canali di comunicazione digitali, ma già non vediamo l’ora di rivedervi, abbracciarvi, continuare a parlavi dei nostri progetti umanitari durante le cene, gli spettacoli, gli aperitivi, possibili solo grazie alla vostra partecipazione.

Per questo… restate collegati! Abbiamo bisogno, ora più che mai, di continuare a condividere i principi che sono alla base, da sempre, del nostro stare insieme: la solidarietà, la pace, i diritti.”

 

emergency

sempre dal sito di Emergency leggiamo l’impegno sanitario:

Per i senzatetto e i migranti

“Monitoraggio nei centri della città dedicati ai senza fissa dimora, nelle strutture per minori stranieri non accompagnati (MSNA), in quelle del sistema Siproimi (ex SPRAR), nei Centri di accoglienza straordinaria (CAS) e in alcuni campi rom segnalati dal Comune di Milano.

Lo scopo dell’intervento, gestito da due squadre di EMERGENCY composte da un infermiere, un logista e un medico in caso di necessità, è quello di monitorare la situazione all’interno di questi centri.

Una verifica operativa degli spazi – condizioni igieniche, distanze di sicurezza, gestione del flusso sporco-pulito – per accertarsi che sia possibile attenersi alle direttive ministeriali.

A seguito di questa verifica, EMERGENCY si occuperà di segnalare le modifiche necessarie da apportare per tutelare la salute di staff e ospiti e fornirà strumenti di formazione per gli staff delle strutture: protocolli da attivare e tutorial da consultare per gestire al meglio l’emergenza.

EMERGENCY garantirà una prima formazione ai gestori dell’immobile di Via Carbonia (zona Quarto Oggiaro) gestito dalla Cooperativa Dar Casa, che in questi giorni sarà convertito in spazio dedicato a chi ha bisogno di isolarsi ma non ha a disposizione nessun alloggio.

 

 

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here