MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Un enorme passo avanti è stato fatto nella lotta all’HIV dagli scienziati della Lewis Katz School of Medicine della Temple University di Philadelfia che hanno modificato con successo SIV – un virus strettamente correlato all’HIV, la causa dell’AIDS – da i genomi dei primati non umani. La svolta avvicina dei ricercatori per lo sviluppo di una cura per l’infezione umana da HIV.

Nel gruppo che ha contribuito in modo decisivo a sconfiggere il virus Hiv nelle scimmie c’è anche l’italiano Pietro Mancuso, 45 anni che è intervenuto ai microfoni di Non è la Radio

Ciao Pietro, buongiorno, abbiamo visto un articolo molto importante che ci fa ben sperare per qualcosa che fino a oggi ci sembrava incurabile

Ve lo racconto nel modo più semplice possibile, venerdì scorso Nature ha pubblicato il nostro lavoro sull’editing genomico col virus dell’HIV

Ci racconti cosa state facendo? 

Io lavoro alla Temple University da quasi 10 anni e ci occupiamo della piattaforma di Editing Genomico CRISPR Cas9 che a ottobre ha vinto il Nobel per la chimica con Jennifer Doudna ed è una piattaforma che serve a svolgere l’elica del DNA e a tagliarla in modo da inserire e modificare delle basi azotate, in pratica serve a riparare dei geni difettosi nelle malattie o evitare che il genoma del virus continui a replicarsi nell’ospite, in questo caso sono le scimmie che sono completamente guarite. Lavoro che è iniziato due anni fa sui topi umanizzati e che ora è proseguito sulle scimmie. Il prossimo anno proseguiremo sui pazienti.

Quindi stiamo parlando di curare pazienti positivi al virus dell’HIV?

Sì, adesso con l’AIDS si sopravvive ma per tutta la vita bisogna prendere dei farmaci anti-virali, funziona un po’ come l’herpes che va tenuto sotto controllo

Mentre con il vostro studio avete trovato un vaccino?

Sì, con il nostro vaccino basterebbe un’iniezione del composto CRISPR Cas9 veicolato con un semplice composto chimico con un’efficenza altissima, dal 60 al 90%

Quindi abbiamo trovato il vaccino per l’HIV?

Sì, adesso diciamo che è il vaccino dell’SIV che è quello che colpisce le scimmie ma dal prossimo anno procederemo con gli esseri umani, abbiamo trattato 8 scimmie e stanno tutte bene, hanno tutte completamente rimosso il virus dal loro genoma

Che tempi ci sono per cominciare a provarlo sugli umani?

Intanto da 8 siamo passati a 20 scimmie, per il 2021 speriamo di avere l’approvazione per iniziare a testarlo sugli esseri umani, ora è tutto fermo per il Covid19.

Questo ci rende orgogliosi che a questo collabori anche un’italiano, anzi, sei in collegamento dagli Stati Uniti e ti abbiamo fatto fare una levataccia

E’ un piacere, come si dice: “Il mattino ha l’oro in bocca”

Lo possiamo dire che sei un grandissimo tifoso della Lazio?

Certo, anche se ieri poteva andare meglio

Cosa vuol dire essere un cervello in fuga? Cosa manca in Italia?

Purtroppo il discorso parte da lontanissimo, in realtà in Italia c’è tutto, è realmente il paese più bello del mondo, ma ogni volta che si ha a che fare di lavoro, in ogni campo i tempi sono biblici, oggi l’Italia è un bel paese per un turista

Come abbiamo fatto a farci scappare un talento del genere?

Questo purtroppo accade anche in altri campi, purtroppo siamo over qualificati e dovremmo accontentarci a stare in posti sotto retribuiti, ho lavorato anche al Gemelli, dove ci sono dei “professoroni” ma manca il ricambio e i giovani sono costretti a fare eterne gavette, purtroppo manca anche la meritocrazia. Inoltre devolve solo l’1% del Pil alla ricerca

Come è la situazione Covid negli USA, qui arrivano notizie contrastanti?

In realtà qui siamo freschi di giorno del ringraziamento, forse i numeri nei giorni prossimi saliranno. Qui un pò come in Italia ogni governatore di Stato ha fissato le proprie regole, il Covid 19 ha avuto il sopravvento sulle altre patologie, attualmente ci sono 13 milioni di positivi

Il vaccino è all’orizzonte, c’è speranza di averlo in breve tempo?

Credo proprio di sì, i candidati top sono Moderna (efficacia al 95%), la Pfizer che distribuirà in Italia (attestato al 90%) e poi altri ma i tempi credo siano brevi, anche la Reitera di Pomezia troverà qualcosa di efficiente ma anche lì ci saranno i soliti problemi burocratici

Ma quando si parla di efficienza, perchè tutti si avvicinano al 100% ma tendono ad avvicinarvisi?

E’ una statistica sui pazienti che si sono sottoposti a testare il vaccino ma l’efficienza al 100% non esiste per nessun vaccino, questo perchè i soggetti sono sempre diversi

Cosa pensi dei vaccini russo e cinese?

Per lo sputnik hanno precorso troppo i tempi, per quanto riguarda la Cina mi ha un po’ insospettito il fatto che a inizio virus non abbiano divulgato le loro cartelle cliniche e non abbiano condiviso con la comunità scientifica

Una persona con patologie può avere dei problemi con un vaccino?

Varia sempre da individuo a individuo, la febbre è una reazione data dal fatto che l’organismo non riconosce la particella iniettata, in un fisico sano può scatenare la risposta immunitaria in 10 giorni, per un anziano o una persona con patologie anche oltre 15 giorni, per somministrare il vaccino ci sarà bisogno anche delle indicazioni del medico curante

Siamo privilegiati per lo scoop che ci hai dato, grazie Pietro

Grazie a voi!

Se questa è davvero la cura per debellare il virus Hiv, lo si verificherà entro un paio d’anni. In ogni caso la terapia che sembra tracciare la strada maestra per parlare finalmente al passato dell’Aids è stata appena sperimentata da un pool di scienziati della Temple University che comprende un giovane palermitano da tempo trapiantato a Philadelphia.

MALTEMPO IN SARDEGNA, FRANE E ALLAGAMENTI NEL NUORESE: TRE MORTI

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK  INSTAGRAM TWITTER

 

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here