Edin Dzeko
Edin Dzeko

La ​Roma è nel vivo della lotta per il quarto posto, tale da consegnare una fondamentale qualificazione alla Champions League. ​Edin Dzeko, protagonista di una stagione piuttosto deludente, ha parlato al Match Program della Roma in vista della sfida contro la Juventus, partita fondamentale per raggiungere la Champions. Queste le parole del bosniaco:

Il pareggio col Genoa?

Sicuramente quel gol ha complicato tutto. Siamo delusi perché abbiamo sofferto per fare il gol e prendere l’uno a uno all’ultimo, su calcio d’angolo, non può succedere perché abbiamo perso due punti importantissimi“.

Troppi punti persi nel finale?

Si giocano sempre più minuti oltre al novantesimo e bisogna essere concentrati fino alla fine, fino a quando l’arbitro fischia“.

La sfida con la Juve?

È sempre una sfida importante Roma-Juventus, anche per loro, con molti stimoli. Ronaldo punta a vincere la classifica marcatori. Nel campionato italiano nessuno ti regala niente, ma noi da qui alla fine dobbiamo fare 9 punti e poi vediamo“.

Chi è avvantaggiato nella corsa alla Champions?

Sicuramente l’Atalanta che sta tre punti avanti. Anche se l’Atalanta dovesse perdere in casa noi dobbiamo vincere altrimenti serve a poco“.

Rimpianti per la stagione?

Ci sono tante partite che vorrei rigiocare in questa stagione… forse in Champions League quella a Porto più di ogni altra. In campionato invece giocherei di nuovo il secondo tempo a Bergamo”.

Il miglioramento dopo l’arrivo di Ranieri?

Sicuramente in questa stagione abbiamo preso troppi gol. Ranieri ha voluto lavorare su questo aspetto e in difesa siamo andati meglio. Io penso che non dipenda dall’allenatore, ma siamo noi che dobbiamo sempre attaccare e difendere tutti insieme“.

Soddisfatto della stagione a livello personale?

No non sono contento. Doveva andare meglio sia per me che per la squadra. Purtroppo non si può cambiare il passato. Dobbiamo dare tutto per arrivare in Champions, ma non sarà facile perché abbiamo lasciato troppi punti per strada“.

Gli 86 gol in giallorosso e l’ottavo posto nella classifica marcatori della Roma?

Sì però non ho vinto niente. È un po’ strano quando fai la storia e non vinci. Avremmo dovuto fare meglio e in quattro anni vincere qualcosa“.

Il rapporto con la piazza giallorossa?

Ho sempre detto che sono contento qui e a Roma la mia famiglia si trova bene. Roma rimarrà sempre importante per me anche quando finirò con il calcio“.

La squadra crede alla Champions?

Dobbiamo crederci, se non ci crediamo noi è dura. Dobbiamo provare a fare 9 punti altrimenti non ci sono speranze. Nel calcio può succede tutto, lo abbiamo visto ancora una volta con quello che ha fatto il Liverpool in Champions. Nel calcio non si deve mai dire non può succedere“.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here