Due morti a Milano per un incendio in uno stabile
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
Just fit
True Beauty lab
Due morti a Milano per un incendio in un edificio nelle case Aleri,  oltre alle due persone decedute altre sette sono in ospedale in ospedale.
Il grave incendio ha interessato una palazzina Aler di otto piani a Cernusco sul Naviglio, in provincia di Milano.
Le decedute che avevano 52 e 80 anni, sono state scoperte dai vigili del fuoco quando sono riusciti a spegnere il rogo nell’edificio, trovando ormai i corpi senza vita delle due donne.
Le due vittime sono madre e figlia. La prima, una 80enne disabile, è stata trovata ancora in casa completamente carbonizzata, mentre il cadavere della figlia di 52 anni era sul pianerottolo con numerose ustioni, probabilmente con l’intento di mettersi in salvo.
Alcune indiscrezioni sembrerebbe che la 52enne avesse problemi psichici ed era in cura in un centro specializzato.
L’ipotesi che ora è sottoposta al vaglio degli investigatori, e da verificare con ulteriori elementi, lascia credere che sia stata proprio la 52enne ad appiccare l’incendio.
L’incendio è divampato questa mattina attorno alle 8.35 al terzo piano di uno stabile Aler di 8 piani in via Don Sturzo 11.
Sette inquilini sono stati trasportati in ospedale: 4 a Cernusco e 3 a Melzo. Altri 14, tra cui un disabile, hanno rifiutato il trasporto.
Il bollettino del maxi rogo alle porte di Milano di questa mattina, recita questi dati: 2 morti, 7 feriti, 14 hanno rifiutato trasporto in ospedale.
Secondo una nota dell’Aler (Azienda lombarda edilizia residenziale, istituto proprietario dell’immobile), l’incendio “si è propagato da un appartamento della scala E, abitata complessivamente da 15 famiglie.

(ex mir)

Leggi anche Nato il primo bambino da madre con coronavirus

SEGUICI SU FACEBOOK

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU TWITTER

SEGUICI SU INSTAGRAM

krav-maga-national-academy
Mad Global Service
serral-3x3
Groupama Agenzia Roma Aurelio di Alessandro Buttinelli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here