Domani inizia la registrazione per 100.000 voucher da 10.000 dinari ciascuno per vacanze sovvenzionate in Serbia – Economia

Domani agli sportelli Serbia Post in tutto il paese si apriranno le domande per 100.000 buoni del valore di 10.000 dinari per le vacanze sovvenzionate in Serbia, e i buoni potranno essere utilizzati fino al 20 novembre.

Il diritto ai voucher è aumentato fino a un massimo di 80.000 dinari al mese per i pensionati, i disoccupati, i beneficiari del diritto all'assegno di assistenza e di mantenimento altrui, i disabili militari, i proprietari di beni agricoli, gli studenti, gli over 65 che non esercitano il diritto alla pensione, nonché dei dipendenti con reddito limitato.

Alla richiesta dei voucher, il cui modulo si trova sul sito delle Poste della Serbia e del Ministero del Turismo e della Gioventù, è necessario allegare la carta d'identità o passaporto, la conferma della prenotazione e relativi. Conferma del diritto come assegno di pensione originale o decisione sull'avvenuto diritto alla pensione, che sono disponibili per la verifica.

I dipendenti il ​​cui reddito non supera gli 80.000 dinari mensili allegano il certificato originale di lavoro e stipendio rilasciato nel mese precedente a quello di presentazione della domanda, e gli studenti allegano il certificato originale dello status di studente.

Allegare la dichiarazione firmata secondo cui le persone di età superiore ai 65 anni, senza pensione, non esercitano il diritto alla pensione, in un modulo si può scaricare dal sito web delle Poste della Serbia, gli altri non sono necessari. È necessario fornire prove.

L'Ufficio Postale è responsabile della registrazione delle domande e dell'emissione di buoni sotto forma di lettere di valore agli indirizzi di casa degli utenti che li informano sullo stato della loro domanda e sulle condizioni di utilizzo chiamando il contact center della Posta allo 07.00. /100-300.

READ  Com'è davvero il sesso dopo la menopausa: "Ho sempre amato il sesso, ma ora è fantastico"

Il voucher può essere utilizzato per almeno cinque notti presso servizi ricettivi, strutture di ristorazione fuori città, comune o luogo di residenza, nonché presso la sede di studio dell'utilizzatore del voucher.

Finora hanno manifestato interesse a partecipare al sistema dei voucher più di 4.400 esercizi di ristorazione e albergatori provenienti da tutto il Paese.

Nei nove anni precedenti ai cittadini serbi sono stati distribuiti più di un milione di buoni.

Seguici sul nostro Facebook Instagram Pagina, ma altro ancora Twitter ordine sottoscrivi Versione PDF del quotidiano Thanas.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *