asteroide sfiora pianeta terra
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
olsa
True Beauty lab

Provare a deviare un asteroide, nell’eventualità che prima o poi ci trovassimo nelle condizioni di farlo con uno pericoloso in rotta di collisione con la Terra. È l’obiettivo del contratto siglato tra Agenzia spaziale europea (Esa) e la corrispondente americana (Nasa) da 129,4 milioni di euro per la missione Hera in programma nel 2024. L’Italia si è ritagliata una parte importante in questa impresa. Oltre all’idea stessa della missione, nata da Andrea Milani, professore di Meccanica orbitale all’Università di Pisa che è venuto a mancare nel 2018, sarà infatti affidato a Thales Alenia Space, joint venture tra Thales e Leonardo, il sistema di comunicazione e l’unità di condizionamento e di distribuzione dell’energia di Hera.

Deviare un asteroide

«L’Europa è pronta a collaborare con la Nasa a una delle missioni spaziali più ambiziose, finora immaginate solo dalla fantascienza», ha commentato Franco Ongaro, direttore della Tecnologia, ingegneria e qualità dell’Esa e responsabile del centro per la scienza e la tecnologia dell’Esa (Estec). «È una missione fondamentale perché è la prima volta che si prova a deviare la traiettoria di un asteroide: vogliamo vedere se ci riusciamo e se in futuro saremo in grado di farlo». Il bersaglio è il sistema binario di Didymos: un asteroide principale di 780 metri di diametro accompagnato da uno più di 160 metri (Dimorphos).

Una missione simile doveva già partire quest’anno, poi è stata modificata e rinviata per seguire prima altri obiettivi spaziali.

krav-maga-national-academy
Mad Global Service
serral-3x3
Groupama Agenzia Roma Aurelio di Alessandro Buttinelli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here