MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Al termine di un lungo Cdm, Giuseppe Contepresenta il Decreto Natale per gestire l’emergenza Covid. L’Italia sarà zona rossa in tutti i festivi e prefestivi fino al 6 gennaio, con negozi, bar e ristoranti chiusi. Garantendo però un “minimo di socialità”: sarà possibile ricevere nella propria abitazione fino a due persone non conviventi,con eventuali figli minori di 14 anni. “Senza misure andremmo incontro a grossi rischi”, ha affermato il premier.

Dopo giorni di discussioni, il governo vara la nuova stretta per evitare che i pranzi e le cenedelle Feste facciano da detonatore per una terza ondata a gennaio e febbraio. Dal 24 dicembre al 6 gennaio si potrà dunque uscire di casa solo per ragioni di lavoro, necessità e salute.

 

Zona arancione negli altri giorni – L’intero territorio nazionale sarà zona arancione i giorni 28, 29 e 30 dicembre e il 4 gennaio. In questi giorni ci si potrà spostare esclusivamente all’interno del proprio Comune senza giustificarne il motivo. Per venire incontro a comuni fino a 5000 abitanti fino a 30 chilometri, ma non nei capoluoghi di provincia. Rimangono chiusi bar e ristoranti tranne che per asporto e consegne a domicilio, mentre i negozi saranno aperti fino alle 21.

 

Il vaccino non sarà obbligatorio – Il governo non prevede l’obbligatorietà del vaccino, ha precisato Conte. “E’ una scelta precisa, lo offriamo facoltativamente ma abbiamo già iniziato a promuovere una campagna per spiegare che il vaccino e’ testato dalle istituzioni più qualificate in Europa. Sarà un vaccino sicuro, sarà offerto a tutti e speriamo tutti si predispongano a farlo”.

 

“Fiduciosi sulla scuola in presenza a gennaio”– “La pandemia ci sta insegnando, tra le lezioni, che dobbiamo mantenerci sempre pronti a intervenire”, ha proseguito il presidente del Consiglio. “Abbiamo programmato al momento un recupero della didattica in presenza al 7 gennaio. Nel corso del Cdm c’è stata una pausa durante la quale i ministri Azzolina, Boccia, e De Micheli mi hanno informato che i tavoli presso i prefetti stanno funzionando molto bene, con sinergia. Questo ci dà maggiore fiducia per la ripresa in presenza a gennaio”.

 

Ristoro di 645 milioni per ristoranti e bar – Conte si è poi detto “a fianco” agli operatori che saranno coinvolti dalle misure. “Abbiamo sospeso contributi e tributi per coloro che hanno perdite. Chi subisce dei danni economici deve essere subito ristorato. Questo decreto dispone un ristoro immediato di 645 milioni di euro per ristoranti e bar”.

 

“Le misure hanno funzionato, siamo partiti da Rt a 1,7” – Il premier ha dunque sottolineato che le misure del governo “hanno funzionato grazie alla responsabilità dei cittadini. E’ un metodo che ci ha evitato il lockdown generalizzato. Siamo partiti con il metodo a zone con Rt a 1,7 e lo abbiamo riportato a 0,86, tanto che nei prossimi giorni tutte le Regioni potranno diventare zona gialla”.

 

“Decisione sofferta, il decreto è un punto di equilibrio” – Secondo Conte, il Decreto Natale “offre un punto di equilibrio tra la stretta necessaria e le deroghe necessarie in considerazione dell’importanza sociale e ideale che queste festività hanno nella nostra comunità nazionale”. Si tratta di “una decisione non facile, sofferta: dobbiamo rafforzare il regime di misure necessarie per cautelarci meglio anche in vista della ripresa delle attività di gennaio”.

 

“Non entriamo in casa degli italiani, limite alla circolazione” – Il capo dell’esecutivo ha affermato ancora: “Non entriamo in casa degli italiani. Il divieto è stato concepito come limite alla circolazione nella zona rossa. Stiamo prevedendo forti limiti alla circolazione. Si esce con l’autocertificazione. Per compensare c’è questo piccolo attenuamento”.

NON È LA RADIO SCENDE IN CAMPO CON LA CITTÀ DI FIUGGI PER SERENA E IL SUO URGENTE INTERVENTO. AIUTACI A DONARE!

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK  INSTAGRAM TWITTER

 

 

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here