5 sapori
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
olsa
True Beauty lab

ngresso vietato al Bioparco di Roma perché provenienti dalla Sardegna. E’ quanto accaduto a fine agosto a una famiglia di Sanluri, nel Sud dell’Isola, in vacanza a Roma. “Poco prima dell’ingresso, ci è stato chiesto di compilare un’autocertificazione in cui è specificato che ‘chi è stato negli ultimi 14 giorni in Croazia, Grecia, Malta e Spagna o presso la regione Sardegna non può entrare per via delle norme anti-covid’. Noi, sconcertati, abbiamo fatto presente che non esiste alcuna norma di questo tipo. E’ quindi una disposizione del parco? E se sì mi chiedo se sia legittima”, racconta a Tgcom24 Agostina Mancosu, professoressa, protagonista della disavventura insieme al compagno e ai suoi due figli.

Partiamo dall’inizio. Durante una vacanza a Roma, a fine agosto, avete deciso di visitare il Bioparco. Stavate per entrare, poi cos’è successo?

Eravamo davanti alla biglietteria, quando un dipendente del parco mi ha invitata a comprare i biglietti online. Io l’ho ringraziato per l’informazione. Al che un signore, che si trovava in fila dietro di noi, ha sentito il mio accento sardo e mi ha chiesto: “Venite dalla Sardegna?”. Ho risposto di sì. L’addetto del parco ha sentito e ci ha detto di attendere perché avremmo dovuto firmare un’autocertificazione. Come ho visto il modulo ho chiaramente detto di non poter affermare di non essere stata in Sardegna, visto che ci vivo. Quindi, l’impiegato ha detto che avrebbe dovuto informare un superiore della nostra presenza. Abbiamo aspettato un’ora, poi il responsabile si è presentato e ci ha detto che non potevamo entrare. Tra l’altro, se ne sono accorti per caso, per via dell’accento, non c’era un controllo rigoroso.

 

Avrete sicuramente girato altri musei, i problemi della provenienza si sono verificati solo al Bioparco?

Assolutamente, siamo andati ed entrati ovunque e non abbiamo avuto nessun problema.

 

E voi come avete reagito quando vi hanno negato l’ingresso?

Ci siamo rimasti male. Personalmente, la cosa mi è dispiaciuta e mi ha infastidito perché non la trovavo corretta. Ho fatto presente che non esisteva alcuna norma di questo tipo. “Avete aggiunto voi il divieto per la Sardegna?”, ho chiesto spazientita.

 

Qual è stata la riposta da parte degli addetti quando avete chiesto chiarimenti?

Il responsabile non ha parlato di un particolare riferimento normativo. Ha detto che alcuni studi svolti a New York provano che è possibile che il virus passi dall’uomo all’animale. “Noi non abbiamo i mezzi, non sapremmo nemmeno come curarli questi animali”, ha aggiunto, sottolineando che devono fare il possibile per tutelare le altre persone e gli animali. Non potevamo crederci. Dunque, ho concluso la conversazione dicendo: “Mi sembra molto strano che non ci facciate entrare, ce ne andiamo, però, indagherò”.

 

Una volta usciti dal parco cos’avete fatto?

Non sapevamo come muoverci, non siamo abituati a queste situazioni, non ci è mai capitato. Poco dopo, nel parco di Villa Borghese ci siamo imbattuti in alcuni poliziotti, così abbiamo deciso di parlare con loro dell’accaduto, chiedendo se fosse legittimo. Sono caduti dalle nuvole, non sapevano cosa dirci. Ci hanno consigliato di chiamare un numero del Comune. Ho telefonato e mi hanno detto che anche a loro non risultava ci fossero disposizioni del genere nei confronti della Sardegna e poi mi hanno fornito un altro numero. Ma, anche in questo secondo caso, stesse informazioni. Ho, quindi, mandato una mail alla Regione Sardegna per avere chiarimenti, poi una al Comune di Roma con in copia conoscenza il Bioparco.

 

La Regione Sardegna ha risposto?

Sì, la Regione Sardegna ha risposto dicendo che il fatto era abbastanza sconcertante e che avrebbero attivato i loro canali per tutelare sia me che la Regione stessa. Infatti, non ho fatto nessuna denuncia perché i referenti della Regione mi hanno detto che avrebbero attivato loro vie legali. Poi chiederò se effettivamente hanno messo in moto qualcosa.

 

Il Comune di Roma e il Bioparco?

Il Comune di Roma no, mentre il Bioparco immediatamente. Il presidente, Francesco Petretti mi ha mandato una mail, dicendo che era dispiaciuto, che quelli erano giorni particolari con molti contagi di rientro dalla Sardegna e che loro avevano seguito le disposizioni della Regione Lazio. Ha anche aggiunto che la prossima volta che andremo al parco saremo loro ospiti.

Fonte:TGCOM24

LEGGI ANCHE: RIPARTE LA SCUOLA, 6 MILIONI DI STUDENTI AL VIA

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK  INSTAGRAM TWITTER

5 sapori

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here