MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Il Coronavirus è arrivato anche qui da noi e fortunatamente non ha portato tragedie, ma solo paura diffusa e una concreta dose di ignoranza. Stado alle ultime notizie il virus sembrerebbe isolato e perciò pronto ad essere combattuto: un’ottima notizia per i molti improvvisati ipocondriaci.

Questi giorni, sui social si son scatenati commenti e dichiarazioni che mi hanno fatto ragionare su quanto molto spesso la paura sfoci in razzismo. Anche solo facendo un giro sul nostro sito, si possono trovare notizie di negozi romani che invitavano il non ingresso a cinesi e orientali, frutto della paura o della non reale conoscenza della questione? Purtroppo è molto spesso l’ignoranza a farla da padrone, con il grande giogo della stampa che ama alimentare la curiosità e l’ignoranza della gente. Qui appunto un esempio.

L’immagine riportata come copertina di articolo è una fotografia scattata dal sottoscritto all’interno di un ristorante cinese frequentato nella mia zona. Fa piangere il cuore vedere persone chiarire la loro “sanità” di fronte al pubblico e alla clientela per il colore della loro pelle o per la loro origine. Come se un negozio italiano negli Usa dovesse render chiaro di non essere “mafioso” (fatti realmente accaduti): è paura o razzismo?

Perciò è un momento di fare un po’ di informazione. Da quanto si legge dai rapporti e da quanto dichiarato da Brusaferro, la trasmissione di questo virus non avviene per via alimentare. Perciò tranquilli, si può mangiare nei ristoranti cinesi, anche perchè in Europa è vietata l’importazione di animali vivi o di carne cruda dalla Cina. Nessun rischio nelle scuole, a meno che non ci sia stato qualche bambino o ragazzo rientrato dalla Cina nei giorni scorsi. Se non viene trasmesso tramite cibo ovviamente non è trasmesso anche tramite oggettistica “Made in China”. Inutile anche la precauzione della mascherina al di fuori dei contesti sanitare. A meno che abbiate il desiderio spasmodico di fare una foto per metterla su Instagram, vero Giulia De Lellis?

Nessuno di noi, mi auguro, è veramente ipocondriaco. Abbiamo solo la normale paura per la “sopravvivenza”, la quale è innata nell’uomo. Questa paura però credo sia alimentata da una uno sciacallaggio mediatico senza cultura dell’informazione, e si sa: l’ignoranza alimentata dalla paura e dal pregiudizio sfocia in razzismo. Perciò lavatevi le mani, se aveste il raffreddore passate una serata a casa con un thè caldo in mano. Abbiate accortezza e non paura… E mangiate cinese, che è pure buono!

Giacomo Leandri

 

 

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here