MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Le scene che si vedono oggi in Italia sono scene dettate dal terrore del Coronavirus e dal menefreghismo del seguire delle regole. Girano sui social i video della Stazione di Milano assaltata da persone in fuga dalla odierna zona rossa. Sono scene gravi che vanno a ledere la sicurezza pubblica e nazionale per il mero e pure egoismo e mancanza di senso civico. Se infatti prima son stati dei chiari e semplici consigli, ora vi sono restrizioni importanti quanto purtroppo necessarie. Vorrei chiedere a queste incaute persone che affollavano ieri i navigli ed oggi i treni: cosa cavolo ci vuole a capire che per legge non può esserci coercizione, ma avreste dovuto essere abbastanza intelligenti a prendere i “consigli” come regole?

Mancanza di responsabilità e mero menefreghismo

Il mio ringraziamento va a questa gente, grazie per il vostro menefreghismo e mettere il proprio interesse davanti al bene comune. L’Italia è già quasi al collasso con il Nord contagiato. Il Sud non si può permettere un’epidemia simile. Ma perché spesso la gente è così inetta e irresponsabile? Ma ci arrivate che state facendo solo il male peggiore per questo paese? Siamo e siete un popolo che pretende regole, ma che non le vuole rispettare. Dispiace dirlo, ma l’unico modo per disciplinare un paese senza alcun senso civico e di responsabilità, nei confronti propri e del prossimo, è quello di istituire in determinati casi la legge marziale. La gente va controllata obbligatoriamente (manco fossero bambini di 2 anni, che non arrivano a comprendere le situazioni). Siamo passati in meno di 48 ore alla situazione emergenziale odierna, perché la gente ha preso sottogamba il problema, continuando a fare la vita di prima e fregandosene delle disposizioni ministeriali, o ancor peggio cercando di raggirarle.

Il menefreghismo al tempo del Coronavirus, o viceversa?

Abbiamo appurato come aleggia un menefreghismo di fondo, ma questo è bomba ad orologeria quando si vive ai tempi del Coronavirus. L’amore per il proprio Paese, cari italiani, non si dimostra con inutili post su Facebook. A quanto pare, pochi hanno capito che per rallentare il virus bisogna cercare di evitarne una continua estensione. Nessuno ha capito che questo panico che si è creato sta portando ad agire istintivamente, a compiere azioni frettolose e senza senso logico: usate il buon senso e cerchiamo insieme di uscire fuori da questa spiacevole situazione. Lo Stato ha cercato di combattere il Coronavirus affidandosi anche al “buon senso degli italiani”, e secondo me ha sbagliato. Senza cadere nel qualunquismo, molti italiani non hanno buon senso. Molti italiani sono quelli del “che me ne fotte a me”, e se davvero siamo di fronte ad una grave emergenza senza precedenti, allora fanno bene ad adottare misure drastiche, e chissà che non ne verranno fuori più drastiche.

Il terrore, purtroppo, alimenta tutto

Purtroppo, è il terrore che ti spinge a scappare. Ogni tanto chiediamo incuriositi a qualcuno dei nostri cari di raccontarci gli anni di quando suonavano le sirene per avvisare che di lì a poco ci sarebbe stato un bombardamento, e ora, per un virus che possiamo contrastare applicando soprattutto la nostra attenzione assistiamo alla follia.
Supermercati svuotati, persone che scappano al sud incuranti che se dovesse prendere l’emergenza al Sud ci sarà poco da fare. Uomini sempre più tecnologici quanto incapaci nel saper gestire la propria fragilità.

SU FACEBOOK TWITTER INSTAGRAM

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

banale.

 

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here