Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
olsa
True Beauty lab

Nuovo colpo di scena sull’omicidio di Marco Vannini, il giovane ucciso nel 2015 mentre era a casa della fidanzata a Ladispoli, alle porte di Roma.

Dopo la decisione della Cassazione di un processo bis per tutta la famiglia Ciontoli, Alfonso Bonafede ha avviato un’azione disciplinare contro Alessandra D’Amore, allora pm di Civitavecchia titolare dell’inchiesta.

Per il Guardasigilli “indagini superficiali hanno danneggiato i parenti della vittima”.

INDAGINI SUPERFICIALI

Secondo quanto riportato da Il Messaggero, il ministro della Giustizia valuterebbe superficiali le indagini sulla morte di Vannini tanto da aver arrecato “un ingiusto danno ai genitori del ragazzo”.

Ad esempio nessuno ha mai messo sotto sequestro la villa dei Ciontoli.

Non venne neppure usato il luminol per evidenziare la presenza di eventuali tracce ematiche sulla scena del crimine. Inoltre i carabinieri non sentirono nemmeno tutti i vicini di casa Ciontoli. Il pm D’Amore, intanto, avrebbe già chiesto di essere ascoltato da chi di competenza.

NUOVO PROCESSO

Per gli ermellini Antonio Ciontoli, padre della fidanzata di Vannini, va giudicato di nuovo perché non si trattò di omicidio colposo, ma bensì “volontario con dolo eventuale”.

Il nuovo processo di appello riguarderà anche la moglie di Ciontoli, Maria Pizzillo, il figlio Federico e la figlia Martina, responsabili, pur non avendo sparato, perché anche loro, come il capofamiglia, hanno scelto di non chiamare subito l’ambulanza, negando al ragazzo le cure che gli avrebbero salvato la vita.

SEGUICI SU FACEBOOK TWITTER INSTAGRAM

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

krav-maga-national-academy
Mad Global Service
serral-3x3
Groupama Agenzia Roma Aurelio di Alessandro Buttinelli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here