MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Dispiace constatare come in un momento così critico per il paese Salvini e Meloni preferiscano fare campagna elettorale. Legittimatissimo, per carità, ma ce ne era veramente bisogno? Infatti, mentre un intero Paese è alle prese con un’emergenza sanitaria ed economica senza precedenti, il leader della Lega ha preferito rilasciare un’intervista al “Pais” per dire che “il governo non è in grado di gestire l’emergenza”. Una mossa che ha contribuito a devastare ulteriormente l’immagine dell’Italia nel mondo. In un paese che oggi chiude le scuole, l’uomo che era “pronto a morire per gli italiani” è finito per diventare quello pronto a mettere ulteriore zizzania in Italia.

A Salvini segue la Meloni, purtroppo

Se finora la Meloni era stata la più “calma” rispetto a Salvini, ora lo segue. Atteggiamento apprezzato nell’elettorato italiano, il quale aveva riconosciuto questo momento non come il terreno fertile per polemiche. Invece, adesso il leader di Fratelli d’Italia, in diretta nazionale, definisce Conte addirittura “criminale”. È il solito spettacolo politicamente avvilente al quale purtroppo siamo abituati. La polemica e la caccia ai voti è diventato lo sport preferito da praticare quando servirebbe unità d’intenti. Ma forse si preferisce andare da Porta a Porta piuttosto che continuare a picchiare duro in un paese che ora ha bisogno di unità.

Gli appelli e le polemiche su Twitter non risolvono nulla

Dovrebbe essere il tempo per fare squadra, ma vedo che anzitutto a destra si preferisce abbaiare il più possibile contro qualsiasi cosa. Esemplare e sorridente come il leader della Lega contini a cambiare idea sui fondi da stanziare agli italiani.

L'immagine può contenere: 3 persone

Questa è la chiara rappresentazione di come si possa, sempre e comunque, cavalcare l’onda positiva o negativo di quel che accade per raccogliere iniquo consenso. Tanto iniquo magari quanto utile per dire un giorno “io lo dicevo” oppure “io sapevo come fare”. Se ieri era Bibbiano, oggi è il Coronavirus.

In questo momento storico non si fanno bandiere ne colori nella politica, si stringono i denti e si va avanti uniti più che mai. Alla fine giudicheremo i fatti, alla fine tireremo le somme e chi avrà sbagliato si prenderà le responsabilità, ma vi prego… ora basta sciacallaggio, lo schifiamo.

SEGUICI SU FACEBOOK TWITTER INSTAGRAM

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

ma

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here