Mauro Icardi è ufficialmente il caso dell’estate, l’Inter lo ha messo fuori rosa ma pretende che chi abbia voglia di comprarlo debba pagarlo a prezzo pieno.
Una follia, pensando alle dinamiche di mercato e a quanto possa deprezzarsi un cartellino di un calciatore che è ormai persona sgradita.
Il Napoli sembra aver presentato la prima offerta ufficiale ai nerazzurri: 50 milioni di euro.
L’Inter di milioni ne vuole 80, casualmente una cifra molto vicina alla richiesta fatta dallo United per Romelu Lukaku. A queste cifre, il Napoli non compra.
Icardi o meno, la società di Suning vuole chiudere in fretta per Edin Dzeko, che ieri ha giocato l’amichevole di Trigoria contro il Gubbio con la fascia da capitano al braccio.

La Roma per il bosniaco vuole 20 milioni, senza inserire nella trattativa alcuna contropartita (si era parlato di D’Ambrosio e Politano, ma anche di Florenzi e Kolarov in nerazzurro, ndr), l’Inter di milioni al momento non vuole spenderne più di 12 ma per accontentare Antonio Conte, l’affare dovrà portarlo a termine. Per liberare ufficialmente Dzeko, però, la Roma vuole rassicurazioni sul nuovo centravanti da portare a Trigoria. C’è ancora fiducia di riuscire a convincere Higuain, ma Petrachi ha già pronte le alternative. Dalla Liga, infatti, potrebbe arrivare uno tra Ben Yedder (attaccante del Siviglia di Monchi) e Mariano Diaz (talento del Real Madrid, mai veramente sbocciato). Intanto, Daniele de Rossi ha salutato tutti e ieri sera è partito per Buenos Aires. Ad attenderlo, 8 mesi di contratto a 500mila euro e un’avventura con la maglia del Boca Juniors. “Sarà un lungo viaggio ma è una grandissima emozione” – le sue uniche parole ai giornalisti presenti all’aeroporto di Fiumicino.

Sull’altra sponda del Tevere, Lotito è impegnato sul fronte Milinkovic: secondo La Repubblica, Lazio e United sono a un passo dal trovare l’accordo, sulla base di 75 milioni più bonus, per una cifra complessiva vicina ai 90. Finchè Pogba non lascerà Manchester, però, è difficile che l’affare possa chiudersi. Yazici del Trabzonspor e Szoboszlai del Salisburgo le alternative studiate da Igli Tare.

In casa Juventus è il momento delle cessioni, vista la rosa extra large a disposizione di Sarri. Il prossimo a lasciare Torino dovrebbe essere Mattia Perin, che ha visto chiudersi le porte del Benfica per delle visite mediche non perfette. Su di lui c’è l’Aston Villa, a ore la chiusura.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here