Sinisa Mihajlovic
MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

L’anticipo delle 12.30 ci porta al Dall’Ara di Bologna, dove la squadra di casa ospita una Sampdoria in crisi, reduce però da un pareggio con la Roma; nei rossoblu mancano ancora Tomiyasu e Dijks in difesa sostituiti ancora da Mbaye e Krejci, assenti anche Medel e Destro, ai loro posti Dzemaili e Skov Olsen, giovane molto interessante al debutto dal primo minuto che viene preferito ad Orsolini; nei blucerchiati non ci saranno Thorsby e Linetty che sarà sostituito ancora una volta dal neo arrivato Bertolacci, Leris preferito a Rigoni, Murillo a Ferrari.

Subito occasione in contropiede per gli emiliani, lancio di Soriano per Palacio che vola sulla destra, mette in mezzo e Dzemaili colpisce Murillo che salva in corner, rispondono i liguri con un capovolgimento che però non mette in difficoltà la squadra di Mihajlovic che oggi non è in panchina per via delle cure.

Dopo un numero indefinito di occasioni del Bologna, su un calcio d’angolo è la squadra di Ranieri a rendersi pericolosissima con un tiro di Quagliarella che colpisce male ma nel percorso la gira Gabbiadini di esterno sinistro e colpisce in pieno il palo; a quattro minuti dal termine un immenso Palacio su palla di Soriano, ci prova ma è grande la risposta di Audero in calcio d’angolo.

Termina qui sullo 0-0 la prima frazione con il Bologna che sta dominando, se escludiamo il palo di Gabbiadini la Sampdoria non ha creato nulla; inizia la ripresa e la compagine di casa passa subito in vantaggio con Palacio che servito perfettamente da Sansone, con un gran destro la insacca all’angolino, Audero la tocca ma non può nulla; Quagliarella insacca di testa su angolo, ma il gol viene annullato per il fuorigioco di Gabbiadini che proteggendo la palla dall’intervento di Mbaye influisce sull’azione

Dopo circa un quarto d’ora Gabbiadini servito da Vieira sulla trequarti realizza un eurogol, sinistro a giro che si infila sotto all’incrocio dei pali, nulla da fare per Skorupski; dodici minuti al termine, corner per i felsinei, batte Sansone la spizza di testa Mbaye e Bani arriva in scivolata e riporta in vantaggio gli uomini di Mihajlovic.

Termina qui 2-1 per il Bologna sui blucerchiati di Ranieri, che restano fanalino di coda di questa Serie A Tim, i gol di un sontuoso Palacio e Bani per i felsinei e Gabbiadini, gol dell’ex per i doriani; rossoblu che hanno giocato nettamente meglio sia in fase difensiva che offensiva e molto ordinati, il gol nasce da una genialata dell’attaccante ligure che aveva già preso il palo nel primo tempo.

Bologna-Sampdoria

BOLOGNA: (4-2-3-1) Skorupski 6,5; Mbaye 6,5, Bani 7, Danilo 6,5, Krejci 6; Poli 6,5(27’ st Schouten 6), Dzemaili 6(22’ st Santander 5,5); Palacio 7,5, Soriano 6,5, Sansone 6,5; Skov Olsen 5,5(10’ st Orsolini 6). A disp. Da Costa, Sarr, Baldursson, Corbo, Denswil, Juwara, Paz, Portanova, Svanberg. All. Mihajlovic.

SAMPDORIA: (4-4-2) Audero 6,5; Bereszynski 5, Murillo 5,5, Colley 5,5, Murru 6; Leris 5(1’ st Depaoli 5,5), Vieira 5,5, Bertolacci 6(1’ st Ekdal 5,5), Jankto 6(18’ st Caprari 5,5); Gabbiadini 6,5, Quagliarella 5,5. A disp. Falcone, Augello, Avogadri, Chabot, Ferrari, Barreto, Rigoni, Ramirez, Bonazzoli. All. Ranieri.

Marcatori: 3’ st Palacio (B), 19’ st Gabbiadini (S), 33’ st Bani (B).

Ammoniti: 28’ st Bareszynski (S), 32’ st Murru (S), 38’ st Schouten (B), 42’ st Colley (S).

Edoardo Massetti

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here