Nicolò Zaniolo
Nicolò Zaniolo
MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Roma-Napoli 2-1

ROMA: (4-2-3-1) Pau Lopez 6,5; Spinazzola 6,5, Cetin 4, Smalling 6,5, Kolarov 5; Mancini 6,5, Veretout 7; Zaniolo 7,5(81’ Under 5,5), Pastore 6,5(89’ Santon sv), Kluivert 6(77’ Perotti 6); Dzeko 6,5. A disp. Mirante, Fuzato, Juan Jesus, Florenzi, Antonucci. All. Fonseca.

NAPOLI: (4-4-2) Meret 8; Di Lorenzo 6, Manolas 6, Koulibaly 5,5, Mario Rui 4,5; Callejon 5(58’ Lozano 6,5), Fabian Ruiz 5,5, Zielinski 6, Insigne 6(83’ Younes sv); Mertens 5,5(65’ Llorente 5,5), Milik 6,5. A disp. Ospina, Karnezis, Hysaj, Luperto, Maksimovic, Tonelli, Gaetano, Elmas. All. Ancelotti.

I top e i flop

Roma

Top:

Zaniolo sta diventando sempre più decisivo, quarto gol nelle ultime quattro gare compresa l’Europa League, sta facendo la differenza, corsa, convinzione, testardaggine, se mantiene questi livelli può fare il definitivo salto di qualità.

Veretout, da quando è arrivato e ha recuperato dall’infortunio iniziale, mette ordine, non perde un pallone, fa ripartire l’azione in ogni occasione e da quel tocco che forse mancava dai tempi di Pjanic.

Flop:

Cetin, gioca bene per sessanta minuti, poi rovina tutto coprendo malissimo sul gol di Milik che accorcia le distanze e poi prende un doppio cartellino giallo nel momento di maggior pressione dei partenopei, regalando un’occasione su punizione poi non concretizzata da Milik all’ultimo secondo.

Kolarov, sbaglia il rigore del possibile 2-0 che avrebbe tagliato le gambe al Napoli già nel primo tempo, poi realizzato nela ripresa da Veretout, sbaglia la copertura su Lozano che ha l’assist per il gol del 2-1 di Milik.

Napoli

Top:

Meret, nonostante i due gol presi, para il rigore a Kolarov, fa almeno altri due miracoli e forse la parata più bella del campionato su colpo ravvicinato di Pastore, anche se in fuorigioco dell’argentino.

Milik, oltre il gol, tanta sostanza, il gol che riapre la gara, combatte, si sbatte, ci prova ma non è aiutato dai compagni in una delle peggiori partite della sua squadra.

Flop:

Mario Rui, la solita partita da incubo, per un giocatore che sta iniziando a rasentare la mediocrità, quando vede la Roma per lui iniziano i problemi, dopo due anni di errori su errori, quest’oggi riesce in collaborazione con Callejon a regalare con un fallo di mano inutile e netto il rigore del 2-0 di Veretout.

Callejon, come sopra per il portoghese Mario Rui, rigore netto concesso ai giallorossi per un fallo di mano volontario come la palla in uscita dall’area, quindi inutile, da un po’ di tempo ormai non è più il giocatore che era prima.

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here