5 sapori
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
olsa
True Beauty lab

BOXING DAY

Nessun manager al mondo avrebbe potuto fare di meglio!

Mai infatti una riunione di pugilato è mai riuscita a mettere insieme tutti campioni pluridecorati nel panorama italiano, europeo e mondiale.

Ma il 4 giugno, grazie all’Associazione Ko al terremoto, che tanto si sta battendo per aiutare la popolazione di Amatrice colpita dal sisma, siamo riusciti in due ore a farci raccontare le scene più salienti della loro carriera da Emiliano Marsili, Giovanni  de Carolis, Luciano Rondinella, Emanuele Blandamura, Guido Vianello, Orial Kolaj e Mirko Geografo, intervistati durante la puntata di Un caffè con, da Valerio Scambelluri e da Umberto Pagoni.

La puntata è iniziata con Emanuele Blandamura, due volte campione d’Europa e Vicecampione del Mondo, ora bloccato a New York, dove sta portando avanti un progetto di lavoro legato a doppio filo al pugilato, che a fine intervista confida l’intenzione di tornare sul ring appena ci sarà la possibilità di farlo.

Giovanni de Carolis, campione mondiale dei pesi supermedi, versione WBA, ad ora l’ultimo italiano a conquistare questo titolo, un carriera costellata di vittorie in giro per il mondo tra le categorie dei medi e dei supermedi.

Poi è stata la volta di Guido Vianello, da Los angeles, dove il 9 giugno combatterà per il 7° match organizzato dalla Top Rank Boxing, nel tempio della boxe americana, l’MGM che da sempre ha dato luogo a match mondiali di primissimo livello.

Guido sarà il primo atleta Italiano a tornare ad esprimersi dopo lo stop dovuto al covid – 19

Alle 14 Orial Kolaj, pugile albanese naturalizzato italiano, per ben tre volte Campione d’Europa, un supermedio di 180 cm che nel parlarci della sua carriera, casualmente nel mondo del pugilato, raccontava di tantissimi match organizzati dal suo manager alla cieca, tanta era la fiducia nel colosso italoalbanese, nel potergli far affrontare ogni tipo di avversario…

Poi Miko Geografo, che ha conquistato il titolo internazionale WBA dei pesi medi contro il messicano Abraham Juarez, che solo un anno prima aveva strappato il titolo di Campione Italiano a Domenico “Vulcano” Spada.

La puntata è proseguita con Luciano Rondinella della Traiano Boxe Integrato Fiumicino Onlus e Cristiano Castellacci maestro della pugilistica rodigina, entrambi lavorano con atleti, più o meno giovani, con disabilità varie o con forme di autismo.

Per entrambi ci sono due progetti ambiziosi a breve: Cristiano Castellacci, membro della commissione italiana per qualificare il pugilato come sport para olimpico, sta puntando ad ottenere questo risultato già nelle prossime olimpiadi e Luciano Rondinella che dopo l’estate aprirà a Roma in zona Ponte Galeria un’altra palestra per dedicarsi ancora di più all’insegnamento della Noble Art ai bambini.

Infine Emiliano Marsili, pugile mancino, campione Italiano nel 2010 e Campione Mondiale nel 2012 dei pesi leggeri IBO sconfiggendo a Liverpool il britannico Derry Mathews per KO tecnico alla settima ripresa.

Tutti gli atleti, oggi bloccati nella loro attività professionistica a causa del blocco che per ora condiziona la categoria, si stanno duramente allenando per poter, appena possibile, tornare sul ring e difendere o a conquistare i vari titoli in giro per il mondo.

A tutti abbiamo rivolto un in bocca al lupo per il prosiegue delle loro carriere ma soprattutto un grazie per portare nel mondo della boxe, così in alto il nome dell’Italia.

Un ringraziamento finale va fatto a Umberto pagoni ed a Ko al terremoto, che purtroppo per via del Coronavirus quest’anno non potrà organizzare il solito raduno per raccogliere gli aiuti per la popolazione terremotata.

La speranza è che per la prossima edizione, questa riunione virtuale così pluridecorata possa diventare reale e portare a combattere tutti questi campioni nel territorio amatriciano.

Valerio Scambelluri

Segui Valerio Scambelluri – Informzione ed intrattenimento a 360 gradi

 

5 sapori

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here