MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Il Fatto Quotidiano scrive dei festeggiamenti della Nazionale di Mancini a Roma, a bordo di un autobus scoperto, nel delirio dei tifosi. Il titolo è il seguente: “Tutta la trattativa Stato-Bonucci minuto per minuto”. Ecco quanto si legge: “Leonardo Bonucci all’uscita dal Quirinale ha discusso animatamente con alcuni responsabili della sicurezza che ribadivano il no al pullman scoperto, il difensore viterbese della Juventus non è uno che le manda a dire e gli sarebbe scappato: ‘Se è così non fateci andare neanche da Draghi e riportateci in albergo'”.

“Così Bonucci – si continua a leggere – e gli altri sono risaliti sul pullman, quello coperto, che ha impiegato 45 minuti per percorrere, a passo d’uomo, via IV Novembre e via del Corso, cioè i due chilometri fino a Palazzo Chigi tra migliaia di persone in festa. In quei 45 minuti si è chiusa la partita. Perché quando è sceso a Largo Chigi lo stesso Bonucci ha detto ai giornalisti: ‘Abbiamo vinto la trattativa, poi saliremo sul pullman scoperto, lo dovevamo ai tifosi’. Il secondo pullman, infatti, era già lì, portato di nascosto. Trattativa di chi? Con chi? C’è chi racconta che a cedere è stato il prefetto Matteo Piantedosi, chi dice invece che l’ok alla Federcalcio l’ha dato la ministra Luciana Lamorgese. Al Viminale dicono che i due e il capo della polizia, Lamberto Giannini, si sono sentiti mille volte e hanno gestito tutto insieme. ‘Nessuno ha dato l’ok, abbiamo solo preso atto’. Così però, all’ultimo momento, era anche difficile organizzare il servizio: agenti in strada, transenne, accessi contingentati. C’erano solo i poliziotti di scorta, per evitare che la gente si arrampicasse sul pullman. La polizia però ha ottenuto che il tragitto rimanesse quello concordato per il mezzo scoperto: via del Corso, via Nazionale, Tritone, Barberini, via Veneto fino a villa Borghese e poi l’hotel Parco dei Principi, il quartier generale della nazionale ai Parioli”.

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here