** FILE ** Cars try to navigate their way through New York City during a blackout that hit U.S. and Canadian cities in this Aug. 14, 2003, file photo. A year after the nation's worst ever blackout, utilities have made improvements and New York has spent millions of dollars on new high-tech gadgets to avert the chaos that followed. (AP Photo/Frank Franklin II, File)
MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Caos a New York dove a causa di alcuni blackout è andata via la corrente in gran parte di Manhattan e la città è rimasta senza luce per 3 ore.

Sono rimaste senza corrente elettrica oltre 40mila persone secondo la ConEdison, la società dei trasporti pubblici della città. A farne le spese anche la rete della metropolitana, affollata più del solito il sabato sera. La società che gestisce la rete ha comunicato che si sta lavorando per identificare le cause e far tornare i treni a circolare. Ma il black out ha colpito anche i grattacieli e le case private piombando la cità nell’oscurità e creando notevoli problemi ai cittadini.

Anche una parte dei cartelloni e degli schermi luminosi di Times Square e l’altrettanto iconica insegna luminosa del Radio Music Hall sono spenti. Buio improvviso anche nel frequentatissimo mall di Columbus Circle e in molti teatri e cinema, con la gente fatta evacuare dal complesso del Lincoln Center. Caos nella circolazione dovuto anche a gran parte dei semafori spenti. Chiusi anche i teatri di Brodway con gli artisti che improvvisano spettacoli all’aperto. Il traffico cittadino è impazzito per i semafori spenti e molti cittadini si sono improvvisati vigili urbani per sciogliere gli ingorghi. Non ci sono stati feriti ma i vigili del fuoco hanno dovuto fare molti interventi per tirar fuori dagli ascensori le numerose persone rimaste chiuse dentro.

Per altro il tutto avviene nell’anniversario del super blackout del 1977 che paralizzo New York per 25 ore. Durante le “ore buie” in alcuni quartieri si scatenarono vere e proprie rivolte urbane. Furono registrati scontri per le strade e numerose rapine e razzie.

La zona più colpita dai blackout è quella di Midtown e dell’Upper Side di Manhattan, compresa la stazione di Columbus Circle, che è una delle più trafficate e frequentate da i turisti. Soprattutto il 12 e 13 luglio quando in molti si riversano nel cuore di New York per assistere allo spettacolo del ‘Manhattanhenge’, col tramonto perfettamente allineato alle strade tra i grattacieli. Un fenomeno che si verifica due volte l’anno.

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here