MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Non è stato un incidente a causare la morte, avvenuta l’11 gennaio, di una bambina di 18 mesi di Cabiate (Como). In base agli accertamenti medico legali, la piccola è stata “ripetutamente picchiata” e “violentata”. In carcere è finito il compagno della madre: era solo in casa con la bimba e aveva raccontato che si era tirata addosso una stufa mentre giocava.

L’uomo aveva spiegato che, dopo essere stata colpita alla testa dalla stufa, la bambina aveva brevemente pianto, ma era poi tornata rapidamente a giocare.

 

L’allarme dato dalla nonnaLa piccola era stata poi portata d’urgenza all’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, solo dopo circa due ore, quando era arrivata la nonna e aveva trovato la nipote priva di sensi, con tracce di vomito sulla maglietta.

Per gli inquirenti la piccola sarebbe stata più colte picchiata e violentataGli accertamenti autoptici hanno smentito il racconto dell’uomo che in alcune circostanze, quando la compagna era al lavoro, rimaneva da solo in casa con la bambina. Gli esiti della consulenza medico legale, rende noto la Procura di Como, inducono gli inquirenti a ritenere che la piccola sia stata picchiata non solo il giorno del suo decesso, ma anche in altre circostanze.

L’uomo viveva con la mamma della bambina da circa tre mesi, ma dopo la tragedia era tornato a vivere con i genitori.

LA LOMBARDIA È STATA UNA SETTIMANA IN ZONA ROSSA PER ERRORE

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK  INSTAGRAM TWITTER

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here