MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Bettino Craxi, ovvero la storia del socialismo italiano.

Tutti ricorderanno il suo ultimo discorso da deputato e la famosa scena che simboleggia la fine della prima repubblica: il linciaggio delle monetine davanti all’hotel Raphael di Roma. I suoi consiglieri gli suggerirono di uscire dal retro dell’hotel ma lui decise di non sottrarsi ai contestatori, del resto pochi giorni prima aveva deciso di affrontare i suoi colleghi in parlamento.

Benedetto Craxi comincia a far politica dai primi anni 50’, e nel 1957 entrerà nel comitato centrale del PSI.

Anticomunista e seguace di Nenni, inizia la sua carriera politica come consigliere comunale della sua Milano.

Nel 1963 entra in Parlamento e nel 76’ diventa segretario del Partito Socialista. Solo due anni dopo riesce ad imporre un socialista al quirinale: Sandro Pertini.

La sua avversione al comunismo lo dimostra anche nella volontà di cambiare simbolo al partito, dalla falce e martello al garofano rosso.

Nel 1983 forma il suo primo governo con il pentapartito: PSI,DC,PRI, PLI e PSD. Governo che resterà in carica per 3 anni, il più lungo mai registrato fino ad allora nella storia della repubblica. Craxi inoltre vanta anche il record di esser stato il primo presidente de consiglio socialista.

Famose le sue battaglie contro il pc, i sindacati e la scala mobile. La sua strategia centrista era finalizzata a rimanere sempre e comunque l’ago della bilancia di tutti i governi futuri.

Da poco sono iniziate le riprese di un film che racconterà la sua storia. Il film di Gianni Amelio si chiamerà Hammamet, luogo dove il leader fuggi in seguito alle famose condanne di Tangentopoli.

L’immagine che vedete è quella dell’attore Pierfrancesco Favino mentre interpreta Bettino Craxi, impressionante la somiglianza.

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here