MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Bari-“Mi hanno messa in quarantena senza una ragione”; è quello che è accaduto ad una signora barese di 63 anni, che sarebbe stata costretta alla quarantena per un presunto contatto con un soggetto a rischio Covid-19 segnalato dall’app Immuni.

La Asl le ha imposto di stare rinchiusa in casa per 15 giorni.

«La mia colpa? Aver scaricato la app Immuni, aver avuto senso civico. Sono stata un paio d’ore al mare  osservando il distanziamento interpersonale. In serata io e mio marito siamo andati a cena con parenti, sempre osservando le norme di sicurezza, a partire dall’ uso delle mascherine nei casi previsti. Domenica mattina sono stata un’oretta al mare, in un punto di litorale non affollato, in compagnia di mia cugina, prima di lasciare la villa e rientrare a casa in città per il pranzo”.

Dal pomeriggio cominciano i “guai”, Immuni le invia una notifica di allerta e un successivo codice da inviare al suo medico di base, il quale il giorno seguente avvisa la Asl: il martedi successivo scatta la quarantena obbligatoria di 15 giorni.

Nel pomeriggio la sorpresa. L’applicazione le invia un segnale di allerta, con un codice da comunicare al medico di base, che il giorno seguente avvisa la Asl. E martedì pomeriggio, attraverso una mail e una telefonata del Dipartimento di prevenzione, scattano i «domiciliari» per 15 giorni.

Inutili le proteste, cosi come inutili sono state le richieste di eseguire un tampone ( fatto però al marito e alla figlia con esiti negativi ) e provare la sua negatività con un test sierologico.

Emerge di nuovo il problema evidenziato in fase di sviluppo sui falsi positivi, come potrebbe in effetti essere la 63enne di Bari; il problema sarebbe da ricercarsi in un algoritmo impazzito di Immuni.

Fonte: La Gazzetta del Mezzogiorno

LEGGI ANCHE: #senzamusica, i musicisti in protesta

Aggiornamento : Grave incidente per Zanardi: trasportato in ospedale con l’elicottero, subito in sala operatoria

 

 

 

 

 

 

 

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here