Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
Just fit
True Beauty lab

BALDUINA VS CORONAVIRUS

Ospite della puntata di giovedì 2 aprile a Un caffè con, la diretta quotidiana condotta da Valerio Scambelluri, il Dott. Federico Guidi, ex Consigliere Comunale di Roma, col quale abbiamo parlato della situazione economica di Roma, ai tempi del Coronavirus, comunque già ampiamente compromessa, e del quadrante della Balduina in particolare.

Federico, aldilà della polemica politica, come è la situazione politica su Roma?

Viviamo un momento eccezionale, in negativo, ed in queste situazioni vanno studiate mosse eccezionali, anche impopolari, ma che vanno prese nell’immediato per andare incontro a chi in questo momento sta vivendo un momento drammatico non solo dal punto di vista sanitario ma anche del punto di vista economico.

Il piccolo commercio è fondamentale per lo stato quindi anche per una città come Roma, se saltano le imprese salta tutto il sistema, non dico che dovremmo ottenere ciò che Trump ha stanziato per ogni americano, circa 2500,00 dollari, ma nemmeno pensare di lasciare a casa i lavoratori e non far loro capire come e quando verranno aiutati, e soprattutto quanto…

In Italia siamo in grado di gestire un aiuto del genere senza rischiare di dare ai furbetti a discapito di chi ha davvero bisogno?

Siamo un popolo che quando serve si sa rimboccare le maniche, guarda cosa hanno fatto a Bergamo i cittadini ciò non toglie che bisogna sempre vigilare.

La mia soluzione in realtà deriva da come si è risolta la famosa crisi del 1929, quando si creò l’IRI, purtroppo smembrato da Romano Prodi, azienda dello Stato che acquisiva le imprese in difficoltà immettendo liquidità dove serviva.

Poi si possono creare BOT o CCT, obbligando le grandi aziende ad acquistarle, per creare ancora più liquidità e poter aiutare tutti, e se lo Stato aiuta la piccola e media impresa evitiamo che crolli tutto.

Mi arriva una domanda in diretta: perchè il costo del barile di greggio è crollato ma la benzina è sempre alta?

Purtroppo come spesso avviene nelle tragedia escono fuori spesso gli speculatori ed uno stato forte, che non è purtroppo il nostro, dovrebbe vigilare su queste cose e punire pesantemente i responsabili.

Credi che il nostro governo possa porsi in questo modo così imponente con le grandi aziende?

No, lo abbiamo visto come hanno approcciato all’epidemia e come la stanno gestendo… in casi come questi auspico un governo tecnico e trasversale proprio per dare nell’immediato, prima a tutti i connazionali, la soluzione a problemi simili.

Ti riferisci agli aiuti che il Ministro di Maio ha dato alla Bolivia ed alla Tunisia?

Ovviamente, le cooperazioni internazionali possono aspettare, sottrarre ora 71 milioni di euro agli italiani mi sembra davvero una follia! L’Italia ha sempre fatto tantissimo per tutti i paese esteri, ora deve pensare agli italiani!

Iniziamo a parlare della Balduina, ci sono persone che stanno andando davvero in difficoltà…

La Balduina, che una volta era considerato un quartiere ricco è negli anni cambiato, ora è un quartiere come tanti ed anche da queste parti i cittadini stanno andando in difficoltà economica e sicuramente è poco quello che per ora ha stanziato il governo.

Proprio per questo diventa fondamentale il ruolo di tante associazioni di volontariato, qui esistono Balduina 00136 e Amore tricolore che hanno organizzato la spesa sospesa… esiste una lista di attività commerciali che hanno aderito a questa iniziativa, dove si può andare a comprare uno o più pacchi, ognuno al costo di 25,00, e lasciarli a disposizone di chi ha difficoltà, tutto ovviamente nel rispetto della privacy di tutti.

Come si aderisce?

Basta andare su facebook nelle pagine di quartiere e cercare le pagine dedicate. Ovviamente questo serve al “nuovo povero” ma anche alla piccola distribuzione che già prima non godeva di ottima salute schiacciata dai grandi supermercati.

Ovviamente all’interno non ci sono prodotti deperibili e nei limiti si possono anche personalizzare i pacchi togliendo ad esempio il tonno ed inserendo il latte in polvere.

Cosa auspichi quando tutto questo finirà?

Noi dovremmo cercare di tornare al prodotto italiano dal cibo, alla manifattura, al turismo… questo momento ci sta facendo scoprire tante belle realtà che abbiamo a portata di mano e che spesso trascuriamo, mi auguro che si inizi a capire che se ci aiutiamo nella normalità, gli uni con gli altri, staremmo sicuramente meglio oggi ed in futuro.

Ultima domanda: Roma vive di turismo, cosa prevedi?

Ci sono attività che pure riaprendo non ripartiranno subito e sicuramente il turismo è una di quelle; con Lavinia Mennuni, Consigliere Comunale di FDI, stiamo presentando al Sindaco una serie di proposte proprio per andare incontro a chi avrà difficoltà ancora per molto tempo.

Valerio Scambelluri

ascolta qui l’intervista

krav-maga-national-academy
Mad Global Service
serral-3x3
Groupama Agenzia Roma Aurelio di Alessandro Buttinelli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here