birra dei pirati mare del nord 01
MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Anche se la bevanda più associata ai pirati resta il rum, stavolta a fargli da compare è invece una birra molto particolare: invecchiata nei fondali del Mare del Nord per 12 settimane.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

Si chiama “Pirates Edition 2020” in edizione limitata, è promossa da Oliver Köhn, un birraio della Bassa Sassonia in Germania del birrificio Cuxhavener Bierbrise. In realtà la birra dei pirati, invecchiata “in fondo al mar” ha un nome ben preciso: tra i produttori si chiama “bernacles beer”. Si tratta di birre affinate sott’acqua, i barnacles (cirripedi) sono dei crostacei marini.
Oltre 12 settimane di affinamento nei fondali marini dove il Mare del Nord incontra l’Elba, questa è la sorte delle 50 bottiglie in edizione limitata. Superate le quali, le bottiglie vengono ripescate e messe sicuro nel porto di Cuxhaven, alla foce del fiume.
La bottiglia ha un’aria antica e non per merito del packaging, ma dell’azione del mare e dei molluschi: che in quelle settimane si attaccano ad essa consumandola.

ll risultato è davvero sorprendente e realistico: tanto da sembrare uscite dal forziere di un pirata. Non serve etichetta, poiché ogni bottiglia è unica e il “marchio di fabbrica” inconfondibile; le bottiglie una volta ripulite dai molluschi, vengono essiccate e firmate a mano pronte per la vendita.
Il prezzo? circa 60€ spedizione esclusa, per un cofanetto da 3 kg come si evince dal link allo shop in lingua tedesca.

VIDEO – Il nuovo spot di Coca Cola per il Natale 2020
SEGUICI SU FACEBOOK  INSTAGRAM TWITTER

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here