MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

ANTONIO DE SANTIS, ASSESSORE DI ROMA CAPITALE, OSPITE IN RADIO

Nella puntata odierna di Fritto Misto, condotta come sempre da Valerio Scambelluri e Mario Improta, è intervenuto Antonio De Santis, Assessore al Personale e ai Servizi Anagrafici di Roma Capitale, da poco entrato a far parte della Giunta Raggi ma che ricopre un ruolo importantissimo spesso lontano dai riflettori.

Numerosi sono stati gli argomenti trattati e non è stato facile ripercorre tutte le tappe del lavoro svolto per rigenerare la macchina amministrativa di Roma Capitale oltre a focalizzarsi sulle novità che arriveranno a breve.

Ha così esordito l’Assessore. “Grazie alle 6mila assunzioni effettuate tra il 2016 e il 2020, è stato garantito un ricambio pari al 26% dei dipendenti capitolini. In sostanza, una persona su 4 che lavora oggi per Roma Capitale è stata assunta da questa Amministrazione. I nuovi assunti sono stati indirizzati nelle varie strutture sulla base di una precisa analisi dei fabbisogni effettivi, con lo scopo primario di erogare i servizi in modo funzionale ed efficiente. In quest’ottica è stato impostato anche il lavoro di pianificazione sulle procedure ancora aperte, consentendo lo smaltimento di buona parte delle vecchie graduatorie e l’inserimento di tutti gli idonei vincitori”, sottolinea.

Il risultato si traduce concretamente sui servizi per i cittadini. “Si pensi, per esempio, all’abbattimento dei tempi per il rilascio della Carta di identità elettronica, passati da 117 giorni del luglio 2018 ai circa 10 di oggi. Dopo aver sistemato alcuni pilastri fondamentali, ora possiamo programmare il futuro con ambizione. Il nuovo concorso determinerà l’inserimento di tanti giovani addirittura ‘millennials’. Merito, motivazione e nuove competenze sono gli ingredienti che ci permetteranno di consegnare ai cittadini una macchina davvero moderna e longeva”.

E’ infatti in arrivo un nuovo concorso con nuove procedure per un totale di 1.470 posti che copriranno diversi profili professionali del personale non dirigente e 42 posti per dirigenti.
Per quanto riguardo lo scenario politico italiano, De Santis traccia un ragionamento articolato ma chiaro: “La vera politica si fa sui territori e gli amministratori locali sono gli interpreti di questa frontiera. Amministrare un ente locale, alla luce del quadro normativo nazionale e dei cordoni della spesa molto stretti, è sempre più complesso.
Amministrare con serietà e responsabilità richiede tempi più lunghi per raccogliere consenso, ma rappresenta la migliore antitesi alla propaganda martellante e scenica. I fatti e il lavoro contro le parole e i teatrini.

Così conclude Antonio De Santis: “Questo è il presupposto fondamentale da cui partire per sviluppare ragionamenti e percorsi che consentano di costruire una progettualità strutturata e comprensibile ai cittadini”.

Convinti che il nuovo concorso abbia un inizio ed una fine più brevi di quello del 2010, auguriamo all’Assessore De Santis in bocca al lupo per il prosieguo della consiliatura ma l’augurio ancora più forte va a chi avrà le capacità per entrare a lavorare nella grande famiglia di Roma Capitale.

Valerio Scambelluri

 

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here