MAmanero
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
True Beauty lab

Amnesty International ha pubblicato il rapporto annuale, in base al quale i Governi hanno utilizzato la pandemia come scusante per reprimere i Diritti umani, indipendentemente dal fatto che fosse o meno l’intento originale.

L’organizzazione critica anche gli Stati Uniti e l’UE per la loro riluttanza a condividere i vaccini con i Paesi più poveri.

“Quando verrà sollevata la questione secondo cui si potrà moltiplicare la produzione di vaccini – dice Agnes Callamard, segretaria generale di Amnesty – allora ci saranno maggiori possibilità per i Paesi poveri di accedervi.

Cosa fanno gli Stati Uniti e l’Unione europea? Si professano impreparati a rilasciare il brevetto per il vaccino, a condividerne la conoscenza”.

Il rapporto fa ampio riferimento ai Governi di Myanmar e Russia, criticando anche l’utilizzo improprio dei poteri della Polizia in Stati Uniti e Regno Unito.

“I Governi hanno usato la pandemia per sferrare nuovi attacchi ai Diritti umani – dice Netsanet Belay, direttore delle ricerche in Amnesty – nei casi peggiori alcuni di essi hanno fatto ricorso ad arresti arbitrari di massa con la scusante del Covid”.

La pandemia ha consentito ad alcuni Governi di utilizzare i poteri di emergenza per reprimere gli oppositori e il dissenso, mettendo in luce profonde disuguaglianze.

Rimarcata inoltre la scarsità dei servizi pubblici, causata da decenni di investimenti insufficienti nei sistemi sanitari in tutto il mondo.

L’UE PRESENTA IL ‘PASSAPORTO’ VACCINALE, IN VIGORE DA GIUGNO

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

SEGUICI SU FACEBOOK  INSTAGRAM TWITTER

MAmanero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here