Il bombardamento di Roma
Il bombardamento di Roma
Bar Lazio
onlusAssociazione la compagnia di gesù
Just fit
True Beauty lab

“Cadevano le bombe come neve, il 19 luglio a San Lorenzo” così una canzone di Francesco De Gregori ricorda una delle pagine più tristi della Seconda Guerra Mondiale.

Il 19 luglio del 1943, aerei alleati sganciarono sulla Capitale 4.000 bombe (circa 1.060 tonnellate), provocando la morte di 3.000 cittadini inermi e il ferimento di 11.000 persone.

Nel solo Quartiere di San Lorenzo, le persone morte furono ben 1.500.

Dopo il bombardamento Papa Pio XII accorse nel quartiere devastato, cuore nevralgico del bombardamento, celebre la famosa foto del Papa con le braccia allargate e lo sguardo rivolto verso il cielo, foto però che non fu di quel giorno…

Pio XII tra la folla dopo un bombardamento, la foto viene erroneamente attribuita al bombardamento di San Lorenzo, in realtà fu scattata dopo un altro bombardamento a San Giovanni
Pio XII tra la folla dopo un bombardamento, la foto viene erroneamente attribuita al bombardamento di San Lorenzo, in realtà fu scattata dopo un altro bombardamento a San Giovanni

Infatti, seppur, il 14 agosto 1943 il Governo Badoglio dichiarò Roma città aperta (ovvero ceduta, per accordo esplicito o tacito tra le parti belligeranti, alle forze nemiche senza combattimenti con lo scopo di evitarne la distruzione) e il suo Ministro degli Esteri Raffaele Guariglia, con l’aiuto della Santa Sede e del canale diplomatico dei paesi neutrali Svizzera e Portogallo, comunicò ai governi di Londra e Washington la nota ufficiale che conteneva tale dichiarazione.

Il Comando Supremo italiano ordinò immediatamente alle batterie antiaeree della zona di Roma di non reagire in caso di passaggio degli aerei nemici sulla città, comandò poi lo spostamento di sede dei comandi italiani e tedeschi e delle rispettive truppe, si impegnò a trasferire le infrastrutture militari e le fabbriche di armi e munizioni, e a non utilizzare il nodo ferroviario romano per scopi militari, di smistamento, di carico o scarico, e di deposito.

Ciò non impedì a Roma di venire bombardata dagli Alleati altre 51 volte sino al 4 giugno del 1944, giorno della sua liberazione.

La foto di Papa Pio XII infatti, fu scattata a San Giovanni, appena dopo un altro bombardamento.

Queste cose a scuola, le insegnano raramente. Per usare un eufemismo.

Leonardo Orsi

krav-maga-national-academy
Mad Global Service
serral-3x3
Groupama Agenzia Roma Aurelio di Alessandro Buttinelli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here